Alpine Ice

(Spiccozzando tra le Alpi) di Mario Sertori
recensione di Fabrizio Andreoli
(pubblicato su lozaino n. 13, inverno 2021. La rivista può essere scaricata da qui)

Quando si parla di cascate di ghiaccio il termine “belle” assume un’accezione particolare. Il fattore estetico si fonde con quello emotivo, e questo è direttamente proporzionale al grado di difficoltà. Più la cascata è impegnativa, più bella apparirà ai nostri occhi.

Nei volumi 1 e 2 di Alpine Ice, editi da Versante Sud e redatti da Mario Sertori, di cascate belle ce ne sono davvero tante. Delle circa 1350 relazionate, ne contiamo 22 di grado 7 e 7+, 163 di 6 e 6+, 345 di 5 e 5+. Numeri che fanno entrare di diritto queste due guide nell’agenda di ogni cascatista alpino.

Dalla Francia alla Slovenia, passando per Svizzera, Italia e Austria sono state raccolte tutte le principali località dove è possibile trovare del buon ghiaccio durante la nostra stagione preferita.

Sfogliando i libri la prima cosa che balza all’occhio sono i colori. Ogni flusso ha la sua “foto segnaletica” a conferma del fatto che il miglior modo per descrivere è mostrare. Esposizione, quota di attacco, difficoltà tecnica e globale, sviluppo, tempo di avvicinamento e tipologia di discesa completano il quadro d’insieme di ogni relazione. Spesso delle note integrative danno informazioni più dettagliate sui tiri o sulla storia della colata.

Per quanto riguarda l’accesso stradale e l’avvicinamento a piedi, oltre alla parte descrittiva molto precisa, alle semplici cartine facili da capire, sono stati inseriti dei qr code che, se fotografati con uno smartphone, rimandano alla geolocalizzazione esatta sia del parcheggio che del punto d’attacco. Una vera novità tecnologica che aggiunge ulteriore valore alle guide.

Per completare l’opera, racconti e interviste dei principali protagonisti della storia del cascatismo ci fanno rivivere le emozioni del passato. Lo stesso autore Mario Sertori ci racconta alcune delle sue più belle salite, in maniera quasi poetica, a dimostrazione del fatto che il suo legame col ghiaccio non è soltanto fisico, ma anche e soprattutto sentimentale. Oltre 30 anni di attività sui flussi ghiacciati di tutto l’arco alpino e non solo gli hanno permesso di conoscere questa materia come pochi altri, ed ora ci regala tutta la sua esperienza con questa doppia riedizione del suo primo Alpine Ice datato 2009, con un numero più che raddoppiato di itinerari presentati.

Alpine Ice – Volume 1, Francia, Svizzera, Italia – Alpi Occidentali, di Mario Sertori, Versante Sud, 2018. 512 pp., 15×21 cm, 591 foto a colori, 59 cartine, 1 schizzo, 32.00 Euro.

Alpine Ice – Volume 2, Italia – Alpi Centrali e Occidentali, Austria, Slovenia, di Mario Sertori, Versante Sud, 2018. 512 pp.. 15×21 cm. 523 foto a colori, 60 cartine, 1 schizzo, 32.00 Euro

More from Alessandro Gogna
Il Cammino di Oropa
Perché il Cammino di Oropa ha tanto successo?Inaugurato nel 2019 con 300...
Read More
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.