Impariamo ad accettare gli orsi

di Carlo Crovella

E’ noto il fenomeno che, nei decenni ’50 e ’60, alimentò l’immigrazione dal Sud in direzione Torino per cercare lavoro alla FIAT. Le giovani famiglie non trovarono vita facile, neppure nella periferia torinese: spesso gli annunci immobiliari avvertivano esplicitamente che non si affittava casa ai meridionali.

Negli anni ’70 girava invece questa storiella che, con tipico sarcasmo torinese, spalmava contemporaneamente un’ombra di negatività su entrambe le parti in causa: A fianco di un portone ci sono due cartelli. Nel primo c’è scritto: “Si accettano meridionali”. Nel secondo si legge: “Per le accette, rivolgersi sul retro”.

Cambiano i tempi e oggi a non trovare casa in affitto sembra che siano i trentini quando vanno al Sud. Viceversa ad essere presi a schioppettate, dai bracconieri o per volontà di legge, sono gli orsi.

Animali solitari per antonomasia (si dice, no? quel tipo è un orso, non vede mai nessuno…), possenti ma tendenzialmente non aggressivi, gli orsi amano scorrazzare liberamente su ampi territori.

Non sono invadenti, ma gelosi della propria libertà.

Chi frequenta i mercati finanziari sa che il “mercato orso” è lo slogan per indicare un periodo in cui le quotazioni di ritirano, scendono, perdono. All’opposto è il “mercato toro” quello in cui le quotazioni scalpitano, salgono “attaccano”.

Se disturbato, l’orso indietreggia, fino a trovarsi con le spalle al muro, allora può alzarsi sulle zampe posteriori e vender cara la pelle. Data la mole, gli artigli affilati e una dentatura di primordine non è indicato aver a che fare con un orso imbestialito.

E’ invece più probabile che attacchino le femmine, quando percepiscono che la cucciolata è in pericolo. Pare che sia il caso della recente aggressione del Monte Peller, in Trentino: quanto meno il soggetto individuato è una femmina e la situazione tipica sembrerebbe rientrare nella fattispecie descritta.

Sapersi muovere in montagna, cioè nella Natura, non significa soltanto saper fare sicura nel modo giusto, superare il tal grado di difficoltà, orientarsi anche nella tempesta.

Nella Natura, la specie umana è una delle tante, anzi per certi versi è la più estranea, quindi è un ospite in casa d’altri e come tale deve sapersi comportare, rispettando i padroni di casa. La specie umana ha invece risposto con un’ordinanza di abbattimento dell’orsa del Peller.

Se non ci pensano le autorità, a volte provvedono i bracconieri, come accaduto ad inizio giugno nei Pirenei francesi. Nei periodi complicati anche gli orsi, come gli altri animali selvatici, si avvicinano ai centri abitati. Non hanno obiettivi di razzia (come invece i lupi), piuttosto vanno a razzolare fra i rifiuti.

Certo non è semplice, per un escursionista (ma anche per un climber, o un biker, un trailer…), imbattersi in un orso lungo i sentieri. Bisogna mantenere la calma, non farlo spaventare, non agitarlo ed anche non dargli l’impressione di avere una fifa del diavolo.

Istruttivo è stato l’episodio del ragazzino 12enne che, sempre in Trentino, ha saputo allontanarsi con calma e tranquillità da un orso incontrato casualmente.

Impariamo ad accettare di orsi, non con l’accetta beninteso. Dobbiamo accettare l’idea, peraltro basilare, che nei boschi ci sono anche loro.

L’ambiente naturale è più di loro proprietà che nostro. Voler eliminare la “selvaticità” dell’ambiente è l’ambizione più contronatura che possa esistere: a chi non piace l’idea che si possa incontrare un orso (o magari, domani, un lupo…), meglio che frequenti un palazzetto sportivo in piena città. Magari gli cade sulla testa il bilanciere dei pesi.

Alcuni link di attualità sull’orso
https://www.lastampa.it/la-zampa/altri-animali/2020/07/08/news/abbattimento-dell-orso-jj4-in-puglia-spunta-un-cartello-non-si-affitta-ai-trentini-1.39057624

https://www.lastampa.it/la-zampa/altri-animali/2020/07/04/news/identificato-l-orso-dell-aggressione-sul-monte-peller-e-la-femmina-jj4-e-ha-14-anni-il-ministro-costa-non-uccidetela-1.39042968

https://www.ohga.it/orso-barbaramente-ucciso-in-francia-a-colpi-di-arma-da-fuoco-lannuncio-del-ministro-borne/

https://www.greenme.it/informarsi/animali/orso-ucciso-francia/

https://www.tio.ch/dal-mondo/attualita/1442897/orso-causa-stato-ucciso-pirenei-bracconiere

https://www.lastampa.it/la-zampa/altri-animali/2020/05/24/news/incontro-ravvicinato-con-un-orso-bambino-salvo-in-trentino-1.38884777

Video del dodicenne a due passi dall’orso (fine maggio 2020)

https://www.rainews.it/tgr/trento/video/2020/05/tnt-orso-incontro-ravvicinato-bambino-trento-trentino-c75e9dc8-6c07-4d62-89a8-9f7487fab769.html

Pubblicato il