Dal fondo del pozzo ho visto le stelle

Si intitola Dal fondo del pozzo ho guardato le stelleMemorie di un esploratore ottimista e ribelle l’ultima fatica di Andrea Gobetti, arrampicatore, speleologo e scrittore.

Dal fondo del pozzo ho visto le stelle
Presentazione di Luca Calzolari al libro di Andrea Gobetti

È in libreria dalla fine del 2020 il nuovo libro di Andrea Gobetti, speleologo fuori dagli schemi, alpinista, scrittore e libero pensatore. Gobetti, nato a Torino nel 1952, ha cominciato prestissimo ad arrampicare in montagna ma soprattutto a esplorare abissi. E a scrivere. Tra i suoi libri precedenti ricordiamo Una Frontiera da immaginare, L’ombra del tempo e Le radici del cielo, a cui si aggiunge, ora, Dal fondo del pozzo ho guardato le stelle – Memorie di un esploratore ottimista e ribelle (edito da SEM), in cui raccoglie avventure e riflessioni sul buio, sulla vita e sulla realtà. Abbiamo chiacchierato con lui come si chiacchiera con un amico, senza mai dimenticare il motivo della nostra conversazione. Come i precedenti anche questo ultimo libro prende le mosse e corre lungo una vita fatta di speleologia, di esplorazioni, di avventure, di bande di ribelli e di montagna. Di amici. E di ulivi. Quelli della casa di Matraia dove Gobetti vive e da cui trae l’olio. In questo libro scrive che “arrampicare gli ulivi è una vacanza senza vette né burroni”. E gli ulivi, sveliamolo subito, hanno qualcosa a che fare anche con questa chiacchierata più volte rinviata.

Andrea Gobetti (a destra) con Marcopaolo Tenderini al Buco del Piombo, Como, 1990. Foto: Fulvio Mariani.

Andrea, raccontaci com’è andata l’ultima vacanza sugli ulivi?
«Male. Ti ricordi l’ultima telefonata mentre ero in ospedale? Meno male che l’intervista non l’abbiamo fatta appena caduto da un ulivo, ancor grazie vicino a casa e non da un precipizio in località “Chissà dove”. S’è rotto un ramo, si sono rotte delle costole; magari a scrivere tanto bene della mia ginnastica arboricola, me la sono tirata addosso».

A onore del vero nel libro scrivi che è pericoloso salire sugli ulivi, che hanno anche passaggi difficili e acrobatici. E che bisogna legarsi. Come in montagna. Era vero, purtroppo. È, come si dice, un libro verità?
«Ci provo, ma per parlare di verità, il libro appropriato sarebbe L’invenzione della verità, del grande matematico Bruno De Finetti, lui dice che la verità è una migliore approssimazione di conoscenza; ora, che è la prima volta che mi rompo qualcosa, so quanto fa male».

Nelle prime pagine del libro racconti delle “curiose trasparenze” del buio che si incontrano in grotta. Da una di queste deriva il titolo del libro. Ce ne parli?
«Gli speleologi hanno poche cose, apparentemente di nessun valore, una di queste è il buio. Se però ne consideriamo la trasparenza scopriamo che permette di vedere ben più lontano e più intimamente nell’uomo e nelle cose che non il chiarore e soprattutto l’abbaglio, che è caratteristica dominante del mondo di oggi».

Si dice “gli speleologi sono una banda di pazzi e di ribelli”. Retorica o realtà?
«Tanta fatica e pure pericoli senza alcun compenso materiale è retorica o realtà? Io sono uno dei frutti di un mondo di ribelli che, più che porsi degli obiettivi evidenti come le vette o le magnifiche sorti progressive, s’aggira carsico e malconcio per poi riemergere sporco e fangoso or qui or là, quasi mai in tinta con le regole del galateo o della società. La speleologia si occupa di un mondo sconosciuto, vive d’esplorazione e scoperta, è legata a doppio filo con l’onestà del topografo. Anche i racconti di questo libro sono un po’ topografici».

In che senso?
«Che racconto quello che ho visto, provato, immaginato per davvero, che chi va per quelle tracce ci si ritrova».

Nel libro citi Gian Piero Motti, Roberto Bonelli e il Nuovo mattino. Entrambi sono stati un segnavia importante per la tua vita…
«Erano i tempi di quando conquistare la stima di un maestro, di un amico valeva più di ogni altra soddisfazione. Con Gian Piero Motti vidi il piacere di scalare per la gioia di arrampicare, di inventarsi una via inedita all’alpinismo che uscisse fuori dalla sofferenza umana. Con Grundhal (al secolo Massimo Demichela, NdR) e con il Bonelli la gioventù soffiava sul fuoco, schivavamo la demenza per andare a sbattere nella follia e i lampi di quei ricordi riescono ancora ad attraversare le tenebre e a uscire dal pozzo del passato».

Sopra, alla Capanna Scientifica Saracco-Volante del Cai Uget Torino, nella conca di Piaggia Bella – Briga Alta, Cuneo, 2018. Foto: Stefania Bosso.

Filippine, Albania, Piaggia Bella in Marguareis. Ci racconti di spedizioni a caccia di grotte e di esplorazioni, ma parli anche molto di chi era con te nella banda di esploratori.
«L’importanza dei compagni è fondamentale nella speleologia che pratico, è necessaria troppa fatica, troppa fantasia, troppe capacità e conoscenze perché ne possa venire a capo un uomo solo».

In queste pagine d’avventure emerge forte la presenza di tua moglie Giuliana.
Sono contento di non essere stato ingrato con la mia dolce metà, ha avuto un bel coraggio a mettersi con me ed effettivamente è il motore, l’alfa e l’omega, nonché la punteggiatura del mio alfabeto, è la persona con cui divido la mia vita e che aiuta tutti quelli che sono presi nelle comuni avventure. Mi ha fatto scoprire che si può andare in grotta anche essendo amati, padri e ormai nonni di famiglia».

Oltre alle grotte, in questi racconti c’è anche tanta montagna.
«Beh, quasi sempre noi speleologi siamo anche alpinisti, sciatori, canyonisti, escursionisti… addirittura subacquei, senza per questo tradire la passione sotterranea. In grotta si arrampica come in parete. Per scoprire nuove cavità talvolta non è neppure necessario mettersi il casco con la luce in testa. Basta essere curiosi, ma spesso è utile sapere andare in montagna, ancor meglio se sugli sci».

Le montagne hanno una forma che le rende riconoscibili agli occhi. Le grotte sono i vuoti delle montagne. Qual è la forma del vuoto che vedono gli occhi di uno speleologo?
«La morfologia della grotta è dettata dal vuoto anziché dal pieno. Quando siamo all’esterno guardiamo le cose in tutto il loro peso, così come sono, in grotta vediamo tutto come finestre. Finestre su altri spazi che magari non hai ancora visto. È lo sguardo dell’oltre, di quello che ci sarà dopo. Chiunque sale su una montagna sa che, fatta la vetta, poi si scende. Ma, attualmente, nessuno può sapere dove vada a finire un’esplorazione sotterranea. Forse sta lì la differenza tra l’esterno e l’interno delle montagne».

Le grotte in genere si aprono in posti scomodi e difficili da trovare, tu scrivi che il modo migliore per scoprire una nuova grotta è farsela indicare da una persona del luogo. Quelle informazioni bisogna però guadagnarsele.
«Questo aspetto l’ho vissuto dal Messico alle Filippine, ma anche da noi più d’un cacciatore, anche bracconiere, ha indicato un buco oltremodo nascosto. Io non faccio né sono un turista, molto spesso vado in un posto in cerca di grotte. Quasi sempre anche alle persone del luogo interessano le grotte, i loro torrenti. Condividendo le tue conoscenze entri in confidenza con i locali. Con i più interessati, dandogli un po’ di attrezzatura nostrana, si finisce quasi sempre per andare in grotta insieme».

Al sole, tra un buco e l’altro. Foto: Stefania Bosso.

La speleologia è un’attività lenta, il tempo in grotta è senza orologio, richiede pazienza, tenacia, elasticità e adattabilità. Da quanto scrivi sembra trasparire anche il fatto che l’esperienza speleologica, compreso il suo approccio al tempo, si riflette nella vita quotidiana.
«Per me è sempre stato così. In realtà in grotta ci vai ogni tanto ma sei speleologo sempre, affronti le cose che ti accadono sapendo che hanno sempre un lato oscuro, un lato inesplorato e che le prospettive possono cambiare in corso d’opera. Lo speleologo mantiene l’esperienza speleologica, esplorativa anche nella vita normale. Anche per l’alpinista è così. Io lo capii tra le righe di Un alpinismo di ricerca, di Alessandro Gogna, che mi pilotò a scrivere Una frontiera da immaginare. È più interessante, oltre che facile, vedere come la nostra esperienza ci segna nel mondo di tutti i giorni piuttosto che cercare di spiegare a parole, a uno sprovveduto, come ci si muova sotto uno strapiombo o si strisci nel cunicolo».

Appigli di Lucchesia. Foto: Fulvio Mariani.

Senti Andrea, non si può fare a meno di notare il refrain sull’età presente in tutti i racconti.
«Quando ho cominciato a pensare all’utilità di un refrain ho deciso di usare “alla mia età” perché è il contrario del giovanilismo finto quanto ovunque strombazzato. Ho un vecchio amico che da tempo mi ha mostrato un sacco di cose sul come si diventa vecchi. Siamo sempre complici in questo stimar l’essere vecchi. Le grotte sono senz’altro vecchissime, se essere vecchi vuol dire essere sopravvissuti alla giovinezza il decrepitare porta con sé un sacco di meriti, considerate le circostanze in cui talvolta sarebbe stato ben più facile morire che diventare vecchi. Così questo gioco di ripetere ’alla mia età’ parla di volontà, ma ancor più di fortuna».

Il rapporto con il tempo è anche esplicito nel sottotitolo Memorie di un esploratore ottimista e ribelle.
«In realtà sulle prime nel sottotitolo avrei preferito viaggi, ma memorie è più corretto, non tutto il tempo diventa memoria ed è giusto distinguere e premiare quello che ci riesce. Temevo un libro di ricordi antichi, di quelli che si scrivono giusto per far rabbia a chi non poteva essere là. Tra i miei coetanei va pure di moda. Questa però è un’autobiografia di tempi recenti, agevolata dai richiami dei tempi passati. La prima volta che ho descritto il Marguareis avevo ventiquattro anni e oggi, a sessantotto (oggi settanta, NdR), può essere interessante scoprire come cambia la percezione dello stesso immutabile posto, il Marguareis sotterraneo, attraversando le stagioni della vita».

In conclusione, nel libro dichiari che nella vita hai fatto solo lo speleologo. Ma fai anche lo scrittore.
«Scrivo da speleologo e la speleologia è resistenza umana in un posto da dove non è facile stanarla, conquista la sua memoria nel mare del tempo con la caratteristica di essere piccolissima, quasi sconosciuta rispetto ad altre manifestazioni di forza e d’ingegno più evidenti. Siamo agli albori d’un pensiero speleologico multidimensionale, che scoprirà molte cose importanti per tutta l’umanità che oggi giacciono ancora in quel mondo dimenticato».

More from Alessandro Gogna
Coronavirus: la fine delle città, torniamo alla ruralità!
di Eros Tetti, pubblicato il 24-04-2020 su Pressenza In questi giorni di...
Read More
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.