Una Montagna Sacra per il Gran Paradiso

Sarà presentata e condivisa il 26 novembre 2022 alle ore 10 presso la Sala Stemmi del Museo nazionale della Montagna, Piazzale Monte dei Cappuccini 7 – Torino

Mille firmatari per una proposta che farà storia
Sono più di mille i primi firmatari del progetto Una Montagna Sacra per il Gran Paradiso, e sono persone di radici e culture molto diverse: alpinisti, escursionisti, naturalisti, giornalisti, scrittori, artisti, montanari, frequentatori rispettosi di ogni vita e di ogni luogo che hanno condiviso con entusiasmo la proposta. Nessun conquistatore.

La presentazione del progetto sarà il 26 novembre 2022 alle ore 10 presso la Sala Stemmi del Museo nazionale della Montagna, Piazzale Monte dei Cappuccini 7 – Torino

La filosofia del progetto
Il progetto nato dall’idea di Toni Farina e Antonio Mingozzi per onorare i cent’anni del Parco nazionale Gran Paradiso con un’azione di alto profilo, che si spingesse oltre la mera celebrazione, ha raccolto l’adesione di un qualificato ventaglio di sostenitori, in forma associativa e individuale, tra cui: il Club Alpino Italiano e l’Alpine Club di Londra, gli alpinisti Kurt Diemberger, Fausto De Stefani, Hervé Barmasse, Alessandro Gogna, Manolo, il climatologo Luca Mercalli, l’antropologo Duccio Canestrini, i giornalisti Paolo Rumiz, Michele Serra, Enrico Camanni, il regista Fredo Valla, i saggisti Guido Dalla Casa e Silvia Ronchey, gli scrittori Paolo Cognetti, Matteo Righetto, Tiziano Fratus, Daniela Padoan, Raffaella Romagnolo, gli attori Giuseppe Cederna, Lella Costa, Giovanni Storti.

Dalla Punta Rossa, alba sul Monveso di Forzo (Valsoana)

In un’epoca avida di performance e povera di spirito, in una società segnata dalla competizione e dal dissennato consumo delle risorse naturali, i sostenitori del progetto auspicano che almeno su una cima – identificata con il Monveso di Forzo, l’elegante triangolo a cavallo tra la Valle Soana e la Valle di Cogneci si astenga dalla “conquista” per riscoprire il significato del limite. Si tratta ovviamente di un atto simbolico: fermarsi sotto la cima lasciandola ai giochi del vento è scelta rivoluzionaria per una cultura antropocentrica e “padrona”.

Niente di confessionale: il termine “sacro” va inteso in senso laico, nel segno del rispetto e della contemplazione. E niente di costrittivo: la “Montagna Sacra” non sarà mai un luogo di divieti. Il progetto non prevede alcuna interdizione formale e nessuna sanzione pecuniaria. Molto più semplicemente, l’impegno a non salire sul Monveso è una scelta culturale, un libero ammonimento, un vivissimo auspicio, nella speranza che venga compreso e abbracciato dall’intera comunità.

Per maggiori dettagli
www.sherpa-gate.com/la-montagna-sacra/

https://www.facebook.com/montagnasacra

Programma dell’incontro pubblico del 26 novembre 2022, ore 10, Sala Stemmi del Museo nazionale della Montagna
Piazzale Monte dei Cappuccini 7 – Torino
con il coordinamento di Rosalba Nattero

Saluto di Bruno Migliorati (CAI – Presidente Comitato Direttivo Gruppo Regionale Piemonte)
Saluto di Lorenzo Giacomino (Sindaco di Ronco)

Apertura
Antonio Mingozzi e Toni Farina: “Una Montagna Sacra per il Gran Paradiso”

Relazioni
Alessandro Gogna “La libertà del limite”
Guido Dalla Casa “La Montagna Sacra e l’ecologia profonda”
Riccardo Carnovalini “Cercando il Dio delle piccole cose”
Paola Loreto “Lo sguardo e la voce della poesia”
Ettore Champretavy “Corsa e contemplazione in montagna: l’apparente paradosso”

Intervengono on line
Daniela Padoan “Nello spirito della Laudato Si’”
Giuseppe Cederna “La bellezza, l’invisibile e il Pellegrino”

Conclusione
Enrico Camanni

Sarà proiettato in anteprima il documentario Montagna Sacra
di Alessandro Gogna e Achille Mauri

More from Alessandro Gogna
Sul confine
di Alessandro Gogna(considerazioni al riguardo di Sul confine di Alberto Paleari) La...
Read More
Join the Conversation

1 Comment

  1. Salve, mi chiamo Maria Grazia Tata, sono un’artista e non più architetto.
    Ho presentato, a luglio 2022, la mostra ‘Cielo incluso’ in un Palazzo storico e relativi giardini, realizzata con mie opere sulla natura, in collaborazione con l’antropologo Massimiliano Palmesano, il fotografo Salvatore di Vilio, il musicista Michele Mele e la Galleria Sinopia di Roma.
    ‘Divinità minori’, intermediarie fra Cielo e Terra, specchio fra Uomo e Natura, stanche di stare al chiuso, fuggono nella natura e vengono riprese dal fotografo Salvatore Di Vilio. Il tema del sacro e dell’invisibile mi è molto caro; mi sono trasferita da Roma in un paese dell’Alto Lazio e lavoro in un ex fienile nella campagna dove ogni giorno registro il sacro e l’invisibile, le mie ‘divinità minori’, attraverso resti minuti e poveri della natura.
    Oggi vengo a conoscenza del vostro importante progetto ‘Una montagna sacra per il Gran Paradiso’ attraverso la lettura dell’articolo di Paolo Rumiz su laRepubblica.
    Mi piacerebbe firmare la vostra sottoscrizione e contribuire, se possibile, alla vostra causa.
    Per visione della mia mostra, all’interno sono stati organizzati due incontri con il contributo di un’archeologa, uno storico, un antropologo e un attore,
    su youtube due video:
    ‘Cielo incluso’ e ‘Mostra Cielo incluso’.
    Saluti e complimenti per il progetto.
    Maria Tata Grazia

Leave a comment
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.