Boom del cicloturismo in Italia

Dopo il Sellaronda Bike Day dell’11 giugno 2022 attorno al gruppo del Sella sulle Dolomiti, ecco la replica del 25 giugno 2022 con il Dolomites Bike Day. Da fine giugno a settembre valichi interdetti alle auto anche in Valtellina su Stelvio, Gavia e Mortirolo.

Boom del cicloturismo in Italia
(tutti in sella sui passi alpini chiusi al traffico per l’occasione)
di Max Cassani
(pubblicato su lastampa.it/montagna il 10 giugno 2022, poi aggiornato) 

L’Italia sale in sella. Già prima della pandemia erano stati quasi 5 milioni gli italiani che avevano usato la bici durante le vacanze estive, con un incremento di praticanti del 41% rispetto al 2013. Oggi, passata l’emergenza Covid, non si ferma la voglia di due ruote – in pianura come in montagna – seguendo il trend di altri Paesi europei più avanzati in tema di mobilità sostenibile come Germania e Francia, dove il settore arriva a fatturare fino a 5 miliardi l’anno.

Anche il mercato del cicloturismo continua a registrare una forte espansione. Dopo i numeri record del 2020, con oltre 2 milioni di pezzi venduti, il mercato 2021 sfiora infatti il dato dell’anno precedente, fermandosi a 1.975.000, pari a un -2% (dati Ancma). In positivo soprattutto il segmento le eBike (+5%), ma crescono anche produzione, import ed export.

In sella sulle salite dolomitiche dell’Alta Badia, in Alto Adige. Foto: Alex Moling.

Ovvio che contestualmente si moltiplichino anche festival ed eventi dedicati agli appassionati delle due ruote. Specialmente d’estate, quando diversi passi alpini dalla Lombardia alle Dolomiti chiudono al traffico motorizzato per lasciare strada libera ai ciclisti. Il primo appuntamento è stato sabato 11 giugno 2022 con il Sellaronda Bike Day, che poi si replicherà anche sabato 17 settembre 2022. L’evento, non competitivo e aperto a tutti senza necessità di iscrizione, prevedeva dalle 8.30 alle 15 la chiusura alle auto dei valichi intorno al Gruppo del Sella, ovvero Sella, Pordoi, Campolongo e Gardena. In totale un itinerario di 53 km e circa 1600 metri di dislivello (lo stesso giro che d’inverno si può percorrere con gli sci ai piedi sfruttando gli impianti di risalita del Dolomiti Superski) che ciascuno ha potuto percorrere in totale libertà, seguendo il proprio ritmo.

Iniziativa simile sabato 25 giugno 2022 per il Dolomites Bike Day, quando a chiudere il traffico alle automobili saranno invece i passi Campolongo, Falzarego e Valparola, scenario delle epiche imprese che hanno fatto la storia del ciclismo. Il percorso – consigliabile in senso antiorario – si districa sull’anello che partendo dall’Alta Badia raggiunge Arabba e la valle di Livinallongo attraverso il Passo Campolongo per poi proseguire verso il Passo Falzarego e successivamente il Passo Valparola, prima di raggiungere i paesi di La Villa e Corvara per completare il tragitto.

Durante il Dolomites Bike Day del 2019

Il percorso, chiuso al traffico dalle ore 8.30 alle 14, ha una lunghezza di 51 km ed un dislivello complessivo di 1.300 metri. Entrambi i percorsi – del Sellaronda e del Dolomites Bike Day – si snodano sul tracciato della Maratona dles Dolomites-Enel in programma il 3 luglio 2022, gara internazionale che richiama ciclisti da ogni parte del mondo e si può considerare la regina fra le granfondo europee.

Dalle Dolomiti al Parco nazionale dello Stelvio, tra Valtellina e Alto Adige. Anche qui, per l’estate alle porte, è in programma un calendario di chiusure dei passi per lasciare strada libera ai ciclisti. L’iniziativa si chiama Enjoy Stelvio Valtellina: dal 24 giugno a settembre 2022, prevede vari weekend lunghi di strade libere dal traffico motorizzato per consentire agli appassionati delle due ruote di pedalare liberamente sulle leggendarie salite che hanno fatto la storia del ciclismo: Stelvio, Gavia, Mortirolo, cui quest’estate si aggiungono nuove scalate in tutta la provincia di Sondrio, come il passo Spluga in Valchiavenna, il passo San Marco e la salita a Campo Moro in Valmalenco.

More from Alessandro Gogna
Scialpinismo – dislivello e rapporto col mio corpo
di Smaranda Chifu (pubblicato su smarandachifu.com il 14 febbraio 2021) Da che...
Read More
Join the Conversation

1 Comment

Leave a comment
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.