In Ossola per liberarsi da ansia e stress

Superare la paura che ci accompagna quando decidiamo di uscire dalla nostra zona di comfort per accogliere il richiamo dell’avventura. Una sfida più facile da accettare se non siamo soli, così come proposto dalle Aree protette dell’Ossola per il fine settimana del 4 e 5 giugno prossimi. 

In Ossola per liberarsi da ansia e stress
di Marta Geri
(pubblicato su piemonteparchi.it il 17 maggio 2022

Immaginatevi in mezzo a verdi vallate, con l’aria fresca del mattino che vi punge il viso. Al pensiero della meta che vi siete posti un brivido vi percorre: è la paura che sempre accompagna chi accetta di uscire dalla sua zona di comfort per accogliere il richiamo dell’avventura. Ma non siete soli. C’è una guida esperta con voi e un gruppo di persone che, osservandole bene, hanno tutte negli occhi lo stesso vostro timore e la stessa voglia di conoscere, e di conoscersi. Queste sono solo alcune delle emozioni che proverà, il prossimo 4 e 5 giugno 2022, chi accetterà la sfida di un weekend in cui le discipline della montagna entrano al servizio del benessere psico-fisico secondo l’innovativo approccio della terapia dell’avventura.

Adventure therapy in Alpe Devero

In un fine settimana nel verde dell’Alpe Devero, cuore delle Aree Protette dell’Ossola, due gruppi da 8 persone si cimenteranno nell’arrampicata, nell’orienteering e in altre discipline di montagna assieme a una guida alpina e poi lavoreranno in gruppo per trasferire i benefici di questa esperienza alla vita di ogni giorno guidati da uno psicologo. Emozioni intense, paesaggi spettacolari, risate, divertimento in compagnia e, a fine giornata, il meritato relax nella calda atmosfera di un rifugio alpino sono gli ingredienti di quest’esperienza davvero unica (iscrizioni: https://forms.gle/z13EqHSwkSHsc3wk9 ).

La terapia dell’avventura e il progetto HEALPS2
L’idea di sperimentare la terapia dell’avventura in Ossola è nata da un gruppo di psicologi della zona e dalla ricerca di nuove forme di turismo del benessere che l’Ente di Gestione delle Aree Protette dell’Ossola sta portando avanti nell’ambito del progetto Interreg Alpine Space HEALPS2.

L’obiettivo del progetto è innovare il turismo alpino rendendo l’offerta meno dipendente dai fattori climatici e più capace di rispondere alle nuove richieste dei turisti, creando strumenti per utilizzare in maniera più efficace e sostenibile le risorse naturali di queste montagne – l’acqua, l’aria pura, la biodiversità, i prodotti agricoli e le opportunità di sport all’aria aperta – per sviluppare nuovi prodotti turistici orientati alla salute e al benessere.

La proposta degli psicologi di sperimentare la terapia dell’avventura come azione pilota volta alla creazione di un nuovo prodotto turistico ha risposto perfettamente all’obiettivo delle Aree Protette dell’Ossola di sviluppare un’offerta rispettosa dell’ambiente e capace di rispondere al bisogno di natura e di recupero dell’equilibrio psico-emotivo accentuati dalla pandemia.

La terapia dell’avventura
La terapia dell’avventura è un approccio che appartiene alla famiglia delle terapie outdoor, in cui la natura diventa essa stessa medicina. Nella terapia dell’avventura, l’esperienza di gruppo all’aria aperta si abbina a una riflessione guidata da uno psicologo sulle emozioni e i comportamenti vissuti, con lo scopo di acquisire consapevolezza delle proprie risorse di fronte alle difficoltà e migliorare il proprio equilibrio psico-emotivo in modo duraturo.

Gli elementi chiave della terapia dell’avventura sono la natura, l’avventura, lo spazio di riflessione e le relazioni. La natura è il contesto le cui caratteristiche danno forma e unicità alle esperienze di terapia dell’avventura. L’avventura si fonda su prove che non sono necessariamente “estreme”: basta che siano nuove o inusuali, e per questo capaci di stimolare modalità di adattamento diverse da quelle consolidate. Uno spazio di riflessione rilassato e ricco di empatia stimola questo cambiamento e rende possibile trasferirlo nella quotidianità grazie alla guida dello psicologo. Le relazioni che nascono dalla condivisione della fatica, delle bizze del clima, degli imprevisti alimentano la fiducia reciproca e consentono da un lato di sperimentare strategie di gruppo, dall’altro di allargare lo sguardo alle modalità di adattamento degli altri partecipanti.

Ampiamente diffusa oltreoceano, ma in Italia usata solo a complemento di specifici percorsi terapeutici, in Ossola la terapia dell’avventura diventa un’occasione offerta a tutti per riconnettersi con se stessi e rafforzare il proprio equilibrio interiore. Per fare questo, basta un weekend: non è infatti necessario un lungo viaggio, né il raggiungere mete lontane. Ciò che conta è la qualità dell’esperienza, fatta di sensazioni, attività, scoperte, incontri, relazioni. Rispetto al semplice fine settimana fuori porta, però, la terapia dell’avventura offre un beneficio più profondo e duraturo, grazie alla combinazione di esperienza, relazioni e riflessione.

I commenti dei partecipanti ai due weekend dello scorso settembre sono incoraggianti: “Dopo questo weekend sono rientrato a casa con una sensazione di benessere soprattutto perché ho potuto ricaricare le pile ed evadere dallo stress abituale senza fare cose pazzesche, ma semplicemente coltivando relazioni e vivendo nella natura. Grazie!”; “Esperienza rinvigorente che ha nello svolgersi in gruppo il suo punto di forza. Il contatto con la natura e le attività di avventura proposte cementano ed esplicitano dinamiche positive sia d’aspetto relazionale che individuale. Avere la continua possibilità di esprimersi sulle proprie sensazioni è un aspetto prezioso che permette, in quei due giorni, di uscire completamente dal flusso della propria quotidianità per immergersi, con gli altri partecipanti, in un laboratorio esperienziale di lavoro su sé stessi.”. Questo entusiasmo ha spinto le Aree Protette dell’Ossola a ripetere l’iniziativa e offrire nuovamente l’opportunità di un fine settimana all’insegna del benessere nella natura il prossimo 4 e 5 giugno.

Informazioni pratiche
Quando: 4 e 5 giugno 2022
Dove: Alpe Devero, rifugio Castiglioni
Posti disponibili: saranno organizzati due gruppi da 6-8 persone ciascuno. Potranno quindi partecipare fino a 16 persone
Chi accompagna: ogni gruppo sarà accompagnato da una guida alpina e da uno psicologo
Costi: Attività di adventure therapy, comprensiva di pernottamento in rifugio in mezza pensione: € 132 per partecipante (si applicano sconti per soci CAI).
Parcheggio auto: 10€ al giorno + eventuale quota di prenotazione, da pagarsi in loco
Iscrizioni: fino a esaurimento posti compilando il modulo online
Infohttps://www.areeprotetteossola.it 

More from Alessandro Gogna
La birra del Parco nazionale del Gargano
Promuovere il proprio territorio attraverso le sue materie prime, i suoi frutti,...
Read More
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.