Omaggio a Mario Fantin

L’anteprima assoluta del restauro di Italia K2, realizzato dalla Cineteca di Bologna in collaborazione con il Centro di Cinematografia e Cineteca del CAI, aprirà il 29 aprile 2022 la manifestazione cinematografica trentina.

Omaggio a Mario Fantin
(al 70esimo Trento Film Festival)
a cura della Redazione di loscarpone.it
(pubblicato su loscarpone.cai.it il 15 aprile 2022

Nove film recentemente restaurati, un documentario e una mostra, oltre al restauro di Italia K2 per ricordare il regista, alpinista e sognatore che si definiva “cacciatore di immagini alpine”. È questo l’omaggio a Mario Fantin del Trento Film Festival (29 aprile 2022 – 8 maggio 2022) che nasce dalla collaborazione fra il Centro di Cinematografia e Cineteca del CAI, FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano, la Cineteca di Bologna e il Museo Nazionale della Montagna. 

Mario Fantin, l’esploratore con la macchina da presa © Fondazione Cineteca di Bologna

L’anteprima assoluta del restauro di Italia K2 di Marcello Baldi (Italia, 1955, 95 minuti) è prevista il 29 aprile in apertura del 70° Trento Film Festival. L’operazione è stata realizzata dalla Cineteca di Bologna presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata, in collaborazione con il Centro di Cinematografia e Cineteca del CAI e con il sostegno del Ministero della Cultura. Testi di Marco Albino Ferrari. Il film documenta la conquista italiana del K2 nella celebre spedizione guidata da Ardito Desio, organizzata dal Club alpino italiano, nel 1954. Una salita che ha inscritto il bolognese Mario Fantin nella storia dell’alpinismo. Una sfida nella sfida, che riuscì a restituire agli occhi del mondo in immagini, utilizzando varie cineprese 16mm, un cavalletto, e pellicola 16 mm Kodachrome. Le riprese arrivano fino a 6560 metri, poi Fantin dovette fermarsi e istruì gli alpinisti per documentare la parte finale della scalata. Era la prima volta che si effettuavano riprese cinematografiche a tali quote. La prima del film, che avvenne il 25 marzo 1955 alla presenza del capo dello stato Luigi Einaudi, fu un successo: 360 milioni di lire d’incasso, poco meno di Grisbì di Becker e poco più del Delitto perfetto di Hitchcock.

Il restauro, narrato in prima persona da Mario Fantin (brani tratti dal suo libro sul K2, Tamari, 1965), restituisce a quest’ultimo il grande merito della realizzazione, purtroppo oscurato nella prima edizione di Italia K2, dove il suo nome appariva solo nei titoli di coda.

In vetta al K2 © Fondazione Cineteca di Bologna

L’omaggio a Mario Fantin
Tra le giornate del 30 aprile, 1 e 2 maggio 2022 saranno inoltre proiettati nove film realizzati da Fantin, recentemente restaurati, che vengono presentati a Trento in un programma articolato a cura di Andrea Meneghelli (Cineteca di Bologna), Marco Ribetti (Cineteca Storica del Museo Nazionale della Montagna – Cai Torino), Maria Chiara Corazza (FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano). Si tratta di un progetto intrapreso da Cineteca di Bologna, FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano (proprietario del Fondo Monzino) e Museo Nazionale della Montagna “Duca degli Abruzzi” – Cai Torino (proprietario dell’Archivio Fantin). 

Ma l’omaggio a Mario Fantin non si esaurisce in questa pur ricca selezione: del programma della 70a edizione farà parte, nella sezione Proiezioni speciali, anche il nuovo lungometraggio documentario Il mondo in camera di Mauro Bartoli, prodotto da Apapaja – Produzioni Cinematografiche, in collaborazione con Cai, FAI, Regione Emilia- Romagna e MiBACT: in anteprima mondiale, il film esplora non solo la passione di Fantin per la montagna e l’avventura, ma anche la sua biografia familiare, riportando alla memoria una figura complessa che ha rischiato di essere dimenticata.

Completa questa immersione nel mondo di Fantin una mostra del Club alpino italiano che lo stesso Mauro Bartoli, a partire dalle sue ricerche su Fantin, ha curato insieme a Claudio Ballestracci (Lab Film), con la collaborazione di Monica Brenga e Pamela Lainati (Centro di Cinematografia e Cineteca del Cai): “Senza posa. Italia K2 di Mario Fantin. Racconto di un’impresa” è un omaggio al suo contributo infaticabile e invisibile alla spedizione CAI al K2 nel 1954, agli ordini di Ardito Desio, che presenta per la prima volta il taccuino dove Fantin appuntò note tecniche sulla realizzazione del futuro film Italia K2. La mostra verrà inaugurata venerdì 29 aprile 2022, primo giorno del 70° Trento Film Festival, alle ore 16.00, e resterà aperta presso gli spazi di Torre Mirana (via  Belenzani 3) fino al 14 maggio, tutti i giorni con i seguenti orari: 9.30-13.00, 14.00- 18.30.

Un momento dell’ascensione al K2 © Fondazione Cineteca di Bologna

Mario Fantin: l’esploratore con la macchina da presa
Il bolognese Mario Fantin, con un diploma da ragioniere in tasca, dopo la guerra sceglie un mestiere a dir poco inconsueto: l’esploratore con la macchina da presa. E sale il più in alto possibile, fino ai 6000 metri della seconda vetta del globo, nella spedizione immortalata da Italia K2, la cui regia verrà affidata a un professionista esperto come Marcello Baldi, con Fantin nel ruolo di operatore per la parte alpinistica, che ci appare oggi come la più spettacolare e originale del film.

Partendo dalle Alpi, e spesso al seguito di Guido Monzino – dapprima direttore generale della Standa, l’azienda di famiglia, poi trasformato dall’amore per la montagna in mecenate-esploratore – Fantin si porta appresso la cinepresa 16mm in oltre trenta spedizioni extra-europee, raggiungendo le Ande peruviane, il Kilimangiaro, il massiccio del Paine, la Groenlandia, il Tibesti, l’Africa Occidentale… Finché decide che la scoperta del mondo può avere luogo anche nel chiuso delle mura del suo appartamento, dove a partire dal 1967 raccoglie e ordina un’imponente mole di dati e documenti che costituiranno il CISDAE – Centro Italiano Studio Documentazione Alpinismo Extraeuropeo, poi confluito negli archivi del Cai.

Fantin partecipò al festival di Trento fin dalla prima edizione, nel 1952, con il filmato didattico di arrampicata Abecedario di pietra firmato insieme a Mario Maffei, premiato con una medaglia d’argento. Diventò da allora una delle presenze più assidue nel primo decennio della manifestazione: nel 1953 presentò due film, Con piccozza e ramponi e Monte Bianco, tre nel 1955, altri due nel 1957 e ben quattro nel 1960. Ma a Fantin, con la sua passione e febbrile attività, lo spazio non bastava ancora, e negli annali del festival resta il curioso “incidente” del 1954, quando in seguito al rifiuto della commissione di selezione ai film che aveva iscritto, con il sostegno di Monzino organizzò a Trento una sorta di “contro-festival”, interamente dedicato alle sue opere.

A tutt’oggi, con 22 film in programma, fino all’ultima partecipazione in sua presenza con Costa d’Avorio nel 1966, Mario Fantin, scomparso nel 1980, resta il regista che più spesso partecipò al festival, e una delle figure che ne hanno accompagnato lo sviluppo e definito il percorso.

Sono più di 120 i film in programma a Trento in occasione della 70a edizione: con 27 anteprime mondiali, 13 internazionali e 37 italiane, ben oltre metà del programma sarà composta da film mai visti prima in Italia.

Fra questi, le nove proiezioni speciali dedicate a Fantin che sono consultabili a questo link.

Tags from the story
, , , , , ,
More from Alessandro Gogna
Scialpinismo – dislivello e rapporto col mio corpo
di Smaranda Chifu (pubblicato su smarandachifu.com il 14 febbraio 2021) Da che...
Read More
Join the Conversation

1 Comment

  1. says: Alessandro Gogna

    Il film rifatto è davvero bellissimo, nulla a che fare con la prima edizione.

Leave a comment
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.