Francisco Gerónimo Ibañez

Francisco Gerónimo Ibañez
(biografia del tenente Francisco Gerónimo Ibáñez: visionario andino, militare e argentino, eroe di un’epoca)
di José Herminio Hernandez
Ricerca fotografica Centro Culturale della Montagna Argentina, Natalia Fernandez Juarez

Francisco Paco Gerónimo Ibañez nacque a Caucete, San Juan, Argentina, alle ore 9, il 30 settembre 1927, figlio di Francisco Ibáñez e Concepción Vargas, entrambi di origine spagnola. Da questo matrimonio nacque, oltre a Francisco, suo fratello Roberto Ricardo, di dieci anni più giovane; i suoi nonni materni erano José Andrés Vargas e la signora Encarnación Galdeano e i suoi nonni paterni il signor Francisco Ibáñez e la signora Cándida Vargas. Fu battezzato nella chiesa di La Merced, nella provincia di San Juan.

Francisco Paco Ibañez, con la corda a tracolla, in Uspallata, 1952
A sinistra: il tenente Francisco Ibañez nella sua uniforme di gala. A destra: ritratto del tenente Francisco Ibanez

All’età di dieci anni, mentre studiava al Colegio Marista de Mendoza, si risvegliò la sua vocazione di alpinista e iniziò a fare gite e spedizioni in montagna con gli amici del Club Andinista Mendoza. Tra il 1942 e il 1946 completò gli studi secondari presso l’Instituto San José de Mendoza, dei Fratelli Maristi, continuando la sua attività di alpinista. Prima dei vent’anni conosceva quasi a fondo molte vette della pre-cordigliera e il Cordón de Plata.

Mosso dalla sua vocazione al servizio delle armi, si recò a Buenos Aires, per cercare di entrare nel Collegio Militare della Nazione poiché la sua ambizione era quella di diventare un artigliere di montagna. Il 1 marzo 1947 entrò nel Collegio Militare della Nazione, scegliendo a suo piacimento l’arma dell’Artiglieria, dove trascorse il suo addestramento militare. Era uno studente eccezionale, alla fine del primo anno il capo della Batteria, scrisse di lui quanto segue: “Ha notevolmente migliorato le sue caratteristiche militari, di carattere e di soldato, dimostrando entusiasmo e impegno per l’istruzione. Serio e corretto. Lavoratore paziente e perseverante. Molto rispettoso e sottomesso; ha le condizioni per distinguersi; è un ottimo compagno. In questo istituto di addestramento militare si è distinto per la sua acuta intelligenza, per il suo fisico eccezionale, l’adattamento alle circostanze più difficili e, soprattutto, per il suo fortissimo amore per la montagna.

Disegno realizzato da Francisco Ibañez nel 1950

Ancora cadetto, e approfittando delle vacanze estive, si recò a Mendoza e, assieme al cittadino italo-argentino Rosario Alejandro Cassis Bresciani, salì per la prima volta l’Aconcagua. Lo stesso Cassis ha raccontato così l’esperienza: “Ho chiesto la licenza per alcuni giorni e avendo contattato una spedizione in Aconcagua dal Club Andinista Mendoza, mi sono unito ad essa, assieme a Edmundo Pérez Crivelli e al cadetto di San Juan con sede a Mendoza, Francisco Gerónimo Ibáñez, riuscendo a raggiungere la vetta il 13 gennaio 1949: era la prima volta per tutti e tre“. Questa conquista del Colosso gli permise di ottenere uno dei riconoscimenti più apprezzati dai militari argentini, primo passo dell’esperienza di alpinista, il Silver Condor, che gli fu conferito nel Collegio Militare della Nazione, essendo il primo cadetto nella storia a ricevere questa distinzione. Questo fu, senza dubbio, il primo anello della lunga catena di eventi che culminerà nel tentativo degli alpinisti argentini di scalare una delle vette vergini dell’Himalaya, il Dhaulagiri.

Si laureò il 14 dicembre 1949, all’età di 22 anni, come sottotenente dell’Arma di Artiglieria; fu assegnato al Primo Gruppo di Artiglieria da Montagna, con sede a Uspallata, nella provincia di Mendoza. Questo paese circondato dalle montagne e la presenza di amici con cui condividere l’alpinismo, gli hanno fatto fare esperienza e condividere momenti molto piacevoli, poiché trascorreva il tempo libero e le vacanze per allenarsi in montagna.

Paco Ibáñez al rifugio Plantamura, il 13 gennaio 1949, assieme a Pérez Crivelli
Francisco Ibañez all’Aconcagua
Francisco Ibañez si districa tra i ghiacci dell’Aconcagua

Così lo ha descritto un suo amico e compagno di squadra, il dottor Alfredo Eduardo Magnani:
“Il corpo atletico del giovane soldato si staglia imponente da lontano, ma quando l’osservatore smette di guardare il suo volto giovanile, sempre sorridente e franco, non può fare a meno di percepire la cordialità e l’intelligenza che illuminano i suoi occhi sereni e la sua ampia fronte scoperta… È uno di quegli uomini che, con uno sguardo e una stretta di mano si conquista un amico, un fedele alleato».

Nel tempo, la serie delle sue attività in montagna è stata scaglionata: tra le varie imprese possiamo citare come le più notevoli: la salita al Cerro Negro, nel Cordon del Plata, in cordata con Andrés Leyes, Alberto Abraham, Pedro Pereyra e José García, compiuta il 13 ottobre 1944; il 28 ottobre dello stesso anno tornò al Cerro Negro, questa volta in cordata con Daniel Riolobos, Fernando Romano, Augusto Ortiz, tutti membri del Mendoza Andinista Club; il 4 gennaio 1945 scala, assieme ad Emilio Merlo, la vetta del Loma Amarilla; il 31 marzo 1945 raggiunse la cima della vetta del Cerro Santa Elena, assieme a Daniel Riolobos, Fernando Romano, Augusto Ortiz, Héctor González, Roberto Testoni, Rafael González, Antonio Ríos, Rafael González Iriarte. E poche ore dopo fece la traversata dal Cerro Agustín Álvarez fino alla vetta del Manuel Pacheco; il 26 maggio 1945 riuscì a raggiungere la cima del Cerro El Plata, unendosi in cordata con con María Canals Frau (questa era la prima donna a farlo), Manuel Pacheco, Domingo López, José Colli, Roberto Testoni, Augusto Ortiz; il 28 ottobre dello stesso anno sale il Cerro Colorado, assieme a Raful Boueri; il 21 novembre ha scalato il Cerro Blanco, effettuando anche una traversata da Estancia El Salto, Quebrada El Alumbre, stazione Guido, in cordata con Alfredo Magnani; il 24 dicembre 1945 scala Il Cerro Salto, assieme a Edmundo Pérez Crivelli e Raful Boueri; il 5 gennaio 1946, assieme a Luis Vila e Ricardo López Suso, fece la prima salita al Cerro Vallecitos; il 30 gennaio 1946 salì da solo il Cerro Rincón; il 18 febbraio 1946, salì la cima del Cerro El Plata, assieme a Margarita Hughes, Carlos Hughes e Vicente Cicchitti; nel mese di aprile 1946 salì, assieme ad Alfredo Eduardo Magnani, la Canaleta Este del Cerro Vallecitos; nel mese di marzo 1949 realizzò la vetta del Tupungato, in cordata con Edmundo Pérez Crivelli e Alejandro Cassis; nel mese di giugno 1951, con i membri del Club Andino Mendoza, fece una spedizione alla Cordillera Real de Bolivia dove tentarono la salita al Nevado Illimani: con lui erano Héctor Perone, il sottufficiale Víctor Bringa e Alfredo Eduardo Magnani. 

Paco (a destra), con due compagni, a Plaza de Mulas, fine 1951
Paco (secondo da destra) assieme a Busquets, Crivelli e Patrusco, 1951
Ana R. de Severino, Busquets, Patrusco e Paco, 1951

Nel gennaio del 1952 si unì alla spedizione francese al Cerro Chaltén (Fitz Roy), come ufficiale di collegamento, con il successo finale della cordata d’attacco alla vetta, composta da Lionel Terray e Guido Magnone: in seguito concluse con la salita all’Aconcagua, per la via normale, assieme a Lionel Terray. In quel periodo ha partecipato alle seguenti salite (tra le altre): Monte Blanco, Dent du Requin, Petit Charmoz, Grépon, Clocheton de Planpraz, Dent de Géant, Les Courtes, le Aiguilles Ravanel e Mummery e l’Aiguille Verte. Nel mese di marzo 1953, assieme a Fernando Grajales, salì al Nevado Chañi e il 7 aprile 1953 salirono al Cerro Nieveros o Limón, nel Cordón del Plata e la cordata era composta da Paco, Beatriz Magdalena Imoberstg di Ibáñez, Salvador Sánchez y Fernando Grajales (questa cima si eleva a sud del Cerro El Plata, tra le quebradas di Casas e Guevara).

Il 7 gennaio 1950 la spedizione civico-militare composta dall’allora Sottotenente d’artiglieria Ibáñez, appartenente al Gruppo VIII Artiglieria da Montagna, con base nella Valle dell’Uspallata, accompagnata dall’Assistente Sergente baqueano Víctor Manuel Bringa e Alejandro Cassis salirono ancora sull’Aconcagua. Il motivo di questa spedizione è stato quello di rendere omaggio al Padre della Nazione, Don José de San Martín, adempiendo con successo a tale compito. Il terzo anno a Uspallata, ricevette la promozione a luogotenente, il 31 dicembre 1951.

Ibánez, Busquets, Moder, Pérez Crivelli si preparano per iniziare la marcia a Puente del Inca, 1951
Paco Ibáñez nella spedizione invernale al Cerro Mercedario, assieme a Grajales
Spedizione francese al Fitz Roy, Paco (a sinistra) con Louis Depasse, 1952

Francisco Ibáñez ha detto all’alpinista polacco Víctor Ostrowski, con il quale aveva conosciuto e stretto amicizia:
Essendo ben acclimatato, ho scalato l’Aconcagua, secondo il mio taccuino come segue: ho lasciato Puente del Inca su un mulo a mezzogiorno dopo pranzo, per passare la notte a Plaza de Mulas. La mattina dopo ho guidato un mulo fino alla base dell’ultima Canaleta, dove ho lasciato la bestia legata a una roccia. Salii in vetta, scesi e cavalcando di nuovo il mulo, tornai al calar della notte a Plaza de Mulas. Il giorno dopo, ho cavalcato di nuovo per arrivare a cena al punto di partenza… Era la sua terza vetta dell’Aconcagua.

Fu proprio in quel periodo che una giovane donna nata a Buenos Aires arrivò a Mendoza con lo scopo di sciare il più possibile, alloggiando a casa di una simpatica coppia del quartiere militare il cui proprietario era un ufficiale dell’esercito. Il nome di quella giovane donna era Beatriz Magdalena ImObersteg, era un’insegnante di educazione fisica e kinesiologa, da qui la sua passione e facilità per lo sport. L’intenzione del suo viaggio era quella di andare a sciare nella zona di Puente del Inca, ma siccome quell’anno c’era poca neve, non abbastanza per praticare questo sport, decise di cambiare i suoi piani e si recò a Uspallata, che era il luogo dove il tenente Francisco Gerónimo Ibáñez viveva e serviva nell’esercito. È così che si sono conosciuti durante un barbecue. Poi il giovane ufficiale, la invitò a cavalcare per la bella vallata di Uspallata e in quel momento cominciò a maturare il corteggiamento, che tra l’altro fu brevissimo poiché si concluse in una rapida concretizzazione del matrimonio. Da quel momento il giovane tenente iniziò a condividere il suo amore, tra Beatriz e la montagna.

Grajales, Paco, Dorly e Federico Marmillod, dopo la salita alla Cima Sud dell’Aconcagua lungo la cresta sud-ovest, 1953
Sulla Cima Sud dell’Aconcagua, Grajales, Paco e Dorly. A scattare la foto è stato Federico Marmillod.
Francisco Ibañez nella spedizione al Cerro Plomo

Beatriz, in un’intervista condotta da Guillermo Martín, del CCAM, ci ha detto che:
“Francisco era una persona aperta, gentile, bonaria, un leader; molte persone lo conoscevano e simpatizzavano con lui per il suo trattamento affabile poiché amava trasmettere la sua conoscenza della montagna, era un buon pedagogo, molti credevano che fosse un maestro e non un soldato, per il suo modo di parlare e di esprimere la sua idee. Per quanto riguarda il mio amore per la montagna, non era solo lo sci ad attirarmi, ma anche altre attività in montagna, ma sono sicura di averlo portato dai miei antenati svizzeri. È molto comune che gli svizzeri apprezzino le attività di montagna, perché è un paese incastonato tra le montagne, quindi è comune che tutti pratichino degli sport di montagna. È stato anche un paese che ha dato vita alle donne in tutte le attività all’interno di questo sport, e lo si può osservare nel museo della montagna, con le foto in cui si vedono le donne, nonostante i loro abiti scomodi, partecipare a queste attività. Quando, nel 1952, Francisco lasciò Chaltén come ufficiale di collegamento con i francesi, decisi da parte mia di recarmi in Svizzera, invitata dai miei parenti. In quel viaggio durato poco più di un anno, ho avuto la brutta esperienza di una frattura e di dover affrontare un intervento chirurgico da sola, per posizionare dei fili, con la complicazione che la procedura doveva essere eseguita in due fasi. Ci volle molto tempo, durante il quale dovetti rimanere lì in Svizzera e dovemmo continuare il nostro rapporto con Francisco per corrispondenza, cosa che ci pesava molto. Dopo il suo viaggio in Francia, dove il nostro corteggiamento continuò ad essere mantenuto attraverso lo scambio di lettere, iniziò a preparare la spedizione sull’Himalaya. Pensando ad un’altra separazione prolungata dovuta a questa spedizione sull’Himalaya, abbiamo deciso di sposarci. Il nostro matrimonio fu a Buenos Aires il 9 febbraio 1953 e abbiamo fatto il viaggio di nozze a Bariloche, dove abbiamo potuto andare in montagna, più precisamente alla Catedral, dove oltre all’arrampicata sperimentammo la tecnica della corda doppia. Al nostro ritorno, Paco ha proseguito con i preparativi per la spedizione e io ho cominciato a preparare la nostra casa, pensando sempre che presto sarebbe stato di nuovo assente e poi, quello che è successo è successo…”. 

Nel 1952 fu nominato ufficiale di collegamento della spedizione francese, che scalò per la prima volta il Cerro Chaltén (Fitz Roy), una delle pietre miliari più importanti dell’alpinismo mondiale dell’epoca, situata nella nostra vasta Patagonia. Dopo questa attività, Francisco invitò i membri della spedizione a salire sul suo vecchio amico, il Cerro Aconcagua. L’11 marzo 1952 la spedizione argentino-franco-svizzera conquistò la vetta; la cordata era composta da Lionel Terray e Guido Magnone, entrambi conquistatori della vetta del Chaltén, René Ferlet, Louis Depasse, Louis Lliboutry, Susana de Depasse, Guillermo Strouve, Francisco Gerónimo Ibáñez e il dottor Federico Marmillod, inizialmente presente ma che dovette rientrare per un problema di salute, nonostante fosse molto ben adattato all’altitudine. Hanno raggiunto la vetta solo Terray e Ibáñez, a tutti gli altri è mancato il tempo per adattarsi più a lungo.

Incontro con i soldati della spedizione al Cerro Plomo
Francisco Ibañez (secondo da sinistra) con Grajales nella spedizione al Cerro Plomo
Colazione durante la spedizione al Cerro Plomo

Come riconoscimento, con un atto cerimoniale, il Golden Condor Honoris Causa è stato assegnato sia agli alpinisti francesi che a Francisco, ed è stato in quell’occasione che Francisco ha informato il presidente, il tenente generale Juan Domingo Perón, del progetto di effettuare una spedizione in l’Himalaya. A sua volta, il governo francese, in riconoscimento dell’attenzione ricevuta dal nostro Paese per la sua spedizione, vincitrice dei Chaltén (Fitz Roy), considerata una delle vette più difficili del mondo e dell’Aconcagua, il Tetto d’America, ha concesso tre borse di studio per un Corso Professionale di Alpinismo, presso la Scuola di Sci e Alpinismo di Chamonix, che furono assegnati all’allora tenente Ibáñez, all’alpinista barilochese Carlos Sontag e all’alpinista di Mendoza Alfredo Eduardo Magnani.

Come abbiamo già visto, il corteggiamento con Beatriz è stato mantenuto per corrispondenza perché lei aveva trascorso poco più di un anno in Europa, mentre Paco scalava il Fitz Roy e altre vette del nostro paese; e ora era lui quello che andava in Francia con una borsa di studio, mentre lei aspettava il suo ritorno a Buenos Aires.

Agli inizi di luglio 1952 partirono per le Alpi i tre alpinisti che, dopo aver frequentato il corso, ebbero il titolo di Aspirante Guida Professionale. Questo viaggio ha permesso loro di entrare in contatto con i primi vincitori di un Ottomila in Himalaya, in particolare con il capo di quella spedizione, Maurice Herzog, con il quale hanno scambiato esperienze molto utili per la futura spedizione argentina. Il tenente Ibáñez aveva coronato il suo apprendistato con questo corso, che lo ha aiutato a maturare la realizzazione del suo obiettivo: l’Himalaya. La sua passione e tenacia nel concretizzare un’idea così ambiziosa fu il prodotto della sua volontà di ferro al servizio di un ideale, che gli permise di ottenere la collaborazione di governanti e amici, ottenendo un sostegno materiale e morale, che un giorno gli permise di vedere la sua aspirazioni realizzate.

Nell’ambito della preparazione, il 14 gennaio 1953, la spedizione che era stata preparata per l’Himalaya, diretta fin dall’inizio da Francisco, raggiunse la vetta lungo la via nord o normale dell’Aconcagua (la quinta, per il tenente): oltre a lui, c’erano Washington Flores, Hugo Benavidez (futuro chef della spedizione in Himalaya) e Jorge Guajardo. Poco tempo dopo, il 23 gennaio 1953, effettua la prima salita del versante sud-ovest. La cordata era composta da Dorly e Federico Marmillod, una coppia di coniugi di origine svizzera, e dagli alpinisti Fernando Gallego Grajales e Ibáñez (la suo sesta e ultima vetta dell’Aconcagua), entrambi argentini. Con questa conquista, una donna completò la prima salita alla vetta sud, aprendo una nuova via sull’Aconcagua.

Paco (a sinistra) e Tito Magnani, in sella a Uspallata
Paco legge la rivista francese La Montagne, Uspallata, 1953
Paco in parete a Uspallata
Spedizione in memoria di padre Torres con Ibáñez (a sinistra), 1953

Lo stesso Federico Marmillod ci ha raccontato alcuni particolari di quella spedizione:
Nel febbraio del 1952 io e mia moglie, in compagnia di Miguel Ruedín, eravamo determinati a intraprendere una nuova via; ma il tempo ha sventato i nostri piani e ci siamo dovuti accontentare della salita per la via normale, coperta da una fitta neve. Avevamo però potuto studiare bene il nostro futuro itinerario, osservandolo con il binocolo dal Cerro Catedral, dal Bonete, e dal Cerro de los Dedos. Nel marzo dello stesso anno accompagnai i membri della spedizione francese al Fitz Roy nella loro visita all’Aconcagua. In quell’occasione abbiamo ripercorso il tratto iniziale di detto itinerario, cercando un passaggio praticabile per i muli fino alla base stessa della parete sul fianco occidentale. Il tenente Francisco Ibáñez faceva parte del gruppo. In lui e in Fernando Grajales troviamo compagni appassionati e valida collaborazione per venire a capo del nostro progetto.

Il 6 gennaio 1953 mia moglie ed io ci accampammo nella parte media della Valle di Horcones, in un luogo chiamato Piedra Grande. Ruedín, ha dovuto rinunciare all’ultimo minuto per motivi di lavoro. Approfittiamo del periodo di acclimatamento forzato per completare le nostre osservazioni. Così siamo saliti su una delle vette del Cerro México, che ci ha permesso di osservare la cresta meridionale da una nuova angolazione. L’11 siamo partiti da un bivacco nella parte alta della forra Sargento Mas, abbiamo scalato il punto più alto della cresta che separa le due valli di Horcones, una doppia sommità rocciosa alta circa 5500 metri (cartina scala 1:50.000, erroneamente indicata una vetta di 6089 metri, che non esiste). Questo punto, che non sembra essere stato visitato prima, offre una vista meravigliosa sulla parete meridionale dell’Aconcagua, e fu chiamato infatti Cerro Mirador (Senza dubbio, entrambi non sapevano che in quel luogo erano già stati circa 500 anni fa gli Inca, che depositarono la mummia, che poi, negli anni ’80, fu scoperta da una cordata del Club Andino Mendoza).

Betty Ibañez scia sulle piste della Catedral di Bariloche
In posa con la sposa, i due impugnano una piccozza, simbolo dell’amore per le montagne di entrambi

Nel frattempo, Ibáñez ci aveva preceduto in Plaza de Mulas, dove si stava allenando con un gruppo di alpinisti. Il 13 gennaio Grajales e il sottufficiale Serrano sono scesi a Piedra Grande a cercarci con i muli e abbiamo spostato il nostro accampamento a Plaza de Mulas. Il giorno dopo incontriamo Ibáñez, che scende dalla vetta con tre compagni, è la sua quinta salita sulla via normale! Il 16, nel pomeriggio, è scoppiata una furiosa tempesta di vento e neve, durata tutta la notte, ma il giorno dopo il cielo si è schiarito e abbiamo preparato tutto per la salita. Il 18 gennaio, presto, abbiamo lasciato Plaza de Mulas.

Siamo in cinque: Fernando Grajales, F. Guajardo, Francisco Ibáñez, mia moglie ed io. Prendiamo tre muli, con carichi molto leggeri. Dopo un breve percorso orizzontale verso sud, iniziamo i trasporti verso il fianco occidentale. La parte inferiore, tagliata da una gola, è stata abbastanza difficile per le bestie, nonostante abbiamo passato un’intera giornata a preparare un sentiero con le piccozze. Alle quattro del pomeriggio siamo arrivati ​​ai piedi delle prime rocce e ultimo punto percorribile per i muli, dove ci siamo accampati, a 5500 metri. Guajardo, ha subito iniziato il rientro con le bestie e tornerà giorni dopo per recuperare le nostre tende, poiché da qui si proseguirà con l’attrezzatura leggera del bivacco: sacco a pelo, materassino pneumatico, una Zdarsky (una tenda) per noi quattro.

Il 19 abbiamo fatto ricognizione dell’itinerario e la mattina del 20 abbiamo lasciato il campo, ognuno con uno zaino da quindici chili. Il tempo era buono, ma soffiava un vento molto freddo con raffiche da nord-ovest. Si prosegue prima ai piedi delle rocce, salendo e scendendo per un susseguirsi di morene e ghiaioni, in direzione della cresta sud, che dista due o tre chilometri. Verso la metà di questa distanza, la montagna è attraversata da un grande canalone che è la direttiva della salita.

Ci ha permesso infatti di raggiungere la sommità del crinale evitando il tratto compreso tra 6000 e 6500 metri, che presentava diverse torri, verticali e impraticabili, di conglomerati. Per raggiungere la base del canale abbiamo dovuto superare un primo gradino roccioso, alto un centinaio di metri, che avvolge come una cintura l’intera parete della montagna. Sembrava possibile scalarlo sull’asse del canale grande, che avevamo salito il giorno prima, quando abbiamo effettuato una ricognizione, arrampicandoci su parte della parete, ma oggi vogliamo risparmiare le forze e continuare il nostro viaggio alla ricerca di un passaggio meno faticoso. Arrivati ​​in prossimità della cresta sud, abbiamo finalmente trovato una profonda grondaia, parzialmente riempita di neve e ghiaccio, per la quale saliamo fino a trovare la base della prima delle torri verticali dello spigolo. Eravamo molto vicini e allo stesso livello del punto segnato di 6009 metri, sulla mappa 1:50.000. Ritornando poi a nord, abbiamo dovuto scendere di circa duecento metri costeggiando un ghiaione per raggiungere la base del nostro canale. La deviazione verso sud ci ha richiesto molte ore. Vista la tarda giornata, abbiamo deciso di bivaccare in questo luogo, sfruttando il favorevole riparo di una roccia a forma di tetto, a 5700 metri.

Francisco Ibañez a un cocktail, New Delhi, India
Incontro con i membri della spedizione in Himalaya a New Delhi, India
Telegramma inviato dal presidente Perón al matrimonio di Paco e Beatriz

La mattina dopo abbiamo attaccato il canale presto, salendo prima su un pendio di roccia levigata e poi su neve dura. Dopo poche centinaia di metri, il canale si restringeva formando un ripido scivolo di neve tra due pareti rocciose. Indossiamo i ramponi e continuiamo a salire di buon passo, divisi in due cordate da due. Più in alto, il terreno si allargò di nuovo. A poco a poco stavamo superando l’altezza delle torri del bordo alla nostra destra.

Infine, siamo arrivati ​​a un pendio aperto che terminava contro un muro verticale. Questo muro forma un taglio del bordo a destra, ma stava perdendo altezza a sinistra. Ci siamo diretti in diagonale in quest’ultima direzione. Lì, tra la neve e la base della parete, abbiamo trovato un posto relativamente buono per installare il nostro secondo bivacco, a 6400 metri.

Durante la notte il tempo è peggiorato, abbiamo sopportato ripetuti rovesci di nevisachio spazzati dal vento violento. A poco a poco la neve filtrava nei nostri sacchi da bivacco, inzuppando tutto. Al mattino uscivamo dolorosamente dai nostri gusci congelati. Il nostro umore era basso e dato il tempo instabile non potevamo pensare di salire. Ci siamo dovuti rassegnare ad aspettare fino al giorno successivo, stavamo anche finendo carburante e cibo. Per fortuna nel pomeriggio il tempo è migliorato. Il tramonto, illuminato di colori di buon auspicio, ha dato libero sfogo alle nostre speranze prima delle dure ore notturne, che abbiamo dovuto comunque affrontare.

Il 23 siamo partiti alle 7.30, sotto il cielo terso, lottando contro il vento sempre forte e gelido. Si segue lo spigolo superiore della parete, che è una cresta secondaria sul versante occidentale, fino a raggiungere la sua giunzione con la cresta meridionale, probabilmente a 6707 metri.

Comunque, la fortuna ci ha regalato una splendida giornata. Da tutti i lati la vista si estende, come quella che si gode da un aeroplano. Dal Mercedario al Tupungato, le cime e i ghiacciai della Cordigliera Centrale formavano un immenso corteo costituito da un arazzo di nubi basse. Continuiamo la salita lungo la cresta principale, che non lasciamo fino alla vetta.

Il presidente Perón decora Francisco Ibañez con il condor d’oro per le sue imprese
Francisco Ibañez (terzo da destra) in hotel a New Delhi, India

Contrariamente a quanto pensassimo, la cresta era abbastanza ampia e comoda, con chiazze di neve alternate a roccette e sassi sciolti. Abbiamo trovato un unico passaggio alquanto delicato, un piccolo taglio di rocce molto instabili. Mentre saliamo, ammiriamo ancora e ancora le prospettive uniche della parete sud, il cui precipizio si apre sotto i nostri piedi. Alle diciassette siamo arrivati ​​assieme alla vetta meridionale dell’Aconcagua a 6930 metri, dove una piccozza lasciata sei anni fa da Tomás Kopp e Lothar Herold si erge sola e intatta su un muretto di pietra. La scambiai con la mia, senza sospettare che qualche giorno dopo sarebbe stato ripresa da una spedizione giapponese, venuta, come i tedeschi, lungo la via settentrionale. Ci registriamo nel libro di vetta, che non ha registrato alcuna visita dopo la prima salita, e lasciamo lì sul muretto di sassi due bandierine, una argentina e una svizzera.

Riprendiamo la marcia in direzione nord, troviamo un primo tratto dove la cresta, piuttosto stretta, presenta pericolosi cornicioni di neve e doveva essere costeggiata a sinistra. Dopo duecento metri la cresta è diventata facile e siamo riusciti ad avvolgere per bene le corde sugli zaini. Siamo passati vicino al famoso scheletro di guanaco, il cui ritrovamento a quelle altezze già nel 1947 aveva stupito Kopp e il suo compagno. Ibáñez gli ha staccato una zampa e l’ha presa come souvenir. Mi sembrava che la cresta che unisce le due cime dovesse essere battezzata Cresta o Filo del Guanaco. La vetta Nord, vicinissima, sembra salutarci come un amico dall’altro lato. Volevamo rispondere alla sua chiamata e dare così il tocco finale al nostro viaggio, ma il tempo stringeva e una nuova notte all’aperto era completamente fuori dal nostro programma. Così ci siamo lasciati distrarre e abbiamo iniziato la discesa verso la Canaleta, che ci era familiare. Alle nove di sera è emersa nell’oscurità la sagoma del piccolo rifugio generale Juan Perón, dove siamo rimasti e ci siamo riparati per passare la notte e scendere l’indomani a Plaza de Mulas.

L’itinerario della parete ovest e della cresta sud, che abbiamo avuto il piacere di inaugurare, presentava solo un moderato grado di difficoltà tecniche. Era però molto più interessante, più alpinistica della solita via nord, ora trasformata in mulattiera per gran parte della sua lunghezza. Poiché il punto di partenza era lo stesso per entrambe le vie, la loro combinazione ha consentito di attraversare l’Aconcagua, senza ulteriori complicazioni organizzative. Traversata da sud a nord, che è naturalmente la più opportuna, poiché se teniamo conto delle difficoltà di arrampicata, abbiamo impiegato un totale di sette giorni, tra una ricognizione e un’altra attesa per il maltempo. Non c’è dubbio che è possibile fare questo viaggio in molto meno tempo. Anche uno dei due bivacchi può essere evitato, soprattutto se si può evitare la deviazione per il punto 6099 m senza dover fare uno sforzo esagerato per scalare direttamente la prima parete del fianco ovest. Ma sarà sempre necessario avere, oltre all’attrezzatura personale per l’altura, un adeguato materiale da bivacco, che sia leggero e molto caldo allo stesso tempo”.

Francisco e Beatriz Ibañez

Questo è il racconto dell’alpinista tedesco Lothar Herold, che ha effettuato la prima salita alla Cima Sud, assieme a Tomas Kopp, a proposito di un’intervista che ha avuto con Ibáñez, riguardo alla salita:
“La nostra piccozza è rimasta incastrata tra le pietre, al secondo punto più alto d’America per 6 anni. Nel marzo del 1953, di ritorno da una spedizione in Patagonia, mi sono imbattuto a Bariloche, con l’alpinista e ufficiale delle Truppe da Montagna, Francisco Paco Ibáñez, che conoscevo molto bene, che mi ha salutato raggiante con queste parole: ho una notizia bomba! Siamo stati sulla Cima Sud! Mi sono congratulato con lui, ma poi è seguita la mia domanda: hai trovato la piccozza?

Da 50 metri sotto la cima l’abbiamo vista contro il cielo, poiché era delineata nel cielo, ha risposto. Più tardi gli chiesi dello scheletro del guanaco, che si trovava sul bordo che unisce le due cime. Ha risposto: ci siamo presi una gamba. Il 23 gennaio 1953 fu effettuata la seconda salita della Cima Sud dell’Aconcagua. I partecipanti erano la coppia svizzera Dorly e il dottor Fréderic Marmillod, Fernando Grajales di Mendoza e Francisco Paco Ibáñez. Attraversarono la base ovest dell’Aconcagua sopra l’alta valle di Horcones, raggiungendo la vetta meridionale, scalando la cresta che cade a sud-ovest, una grande impresa andina per una nuova via! La coppia Marmillod ha tenuto la piccozza e l’ha tenuta per molti anni. Poi il dottor Marmillod me l’ha ridata con queste parole: È per te!

La tavoletta di legno portata dalla provincia di Misiones con le iscrizioni dei nostri nomi, che avevamo depositato nella vetta sud, è stata presa da Paco Ibáñez. Anni dopo incontrò la morte durante una spedizione argentina sull’Himalaya, sul Dhaulagiri. In un certo senso si era sacrificato per i suoi compagni. Durante il suo funerale ufficiale a Buenos Aires, alla presenza del presidente Perón, ho aiutato a far scendere la sua bara dall’aereo, assieme a 3 ufficiali e 2 alpinisti.

Anni dopo, quando il Club Andino Bariloche, CAB, celebrava un anniversario a Buenos Aires, dovetti pronunciare un discorso ufficiale sulla mia ultima spedizione in Patagonia, poi la vedova di Ibáñez mi restituì solennemente davanti alla congregazione la tavoletta che avevamo lasciato in cima e mi ha detto: questa è tua! Successivamente l’ho consegnata al mio amico e collega scalatore Thomas Kopp. La storica piccozza della vetta sud dell’Aconcagua adorna ancora il muro della mia stanza a Münster/Westfalen, in Germania. Dopo questa impresa e da quel momento in poi, Paco divenne il leader naturale della futura spedizione che presto sarebbe stato orgoglioso di comandare: la prima spedizione argentina sull’Himalaya “Tenente generale Juan Domingo Perón”. Ibáñez, iniziò a studiare in dettaglio ogni aspetto della futura impresa in Himalaya. Ma c’era un ostacolo da risolvere tra lui e la sua amata Betty, di cui discussero a lungo ed era la data del matrimonio, poiché la domanda che si poneva per entrambi era: prima o dopo l’Himalaya? Alla fine decisero di andare prima dell’avventura.

Ibáñez ha sposato la signorina Beatriz Magdalena ImObersteg, nella Chiesa dei Benedettini, a Villanueva e Maure, il 9 febbraio 1953, nella Capitale. All’uscita del tempio si formò una galleria o scorta d’onore, che, a differenza di altri matrimoni militari, al posto delle sciabole spiegate, la corda sotto la quale fa il suo passaggio il matrimonio appena costituito era formata da civili e soldati delle montagne, che tenevano alte le piccozze sotto le quali Francisco e Beatriz lasciarono il tempio. Vissero insieme praticamente per tutto il 1953, prima nella casa di un’amica comune, poi nella casa dei suoi genitori, trascorrendo una luna di miele che fu a San Carlos de Bariloche, dove ne approfittò per insegnare a Betty ad arrampicare, sulle pareti della Catedral.

Salita invernale al Chañi
Nel periodo invernale del 1953, più precisamente, all’inizio di giugno, Paco, con lo scopo di testare alcune apparecchiature già prodotte nel paese per l’Himalaya, scelse una località nel nord-ovest argentino, il Chañi; una montagna che, essendo stata frequentata fin dall’antichità dai nostri avi nell’era moderna del nostro sport, era priva di attività sui suoi pendii e cime. La cordata era composta da Paco, seguito dalla moglie Beatriz, Fernando Grajales, gli italiani Giorgio Brigatti e l’ingegnere Piero Ghiglione (quest’ultimo, membro della spedizione italiana all’Aconcagua nel 1934, guidati dal dottor Renato Chabod, entrambi italiani e dai giovani sottufficiali dell’Esercito, Pedro Secondo Domingo Zonni e Guillermo Arnoldo Poma).

Ibañez e sua moglie durante la spedizione invernale al Chañi

Dopo tre giorni di marcia su muli, sono arrivati ​​al campo base, situato a quasi 4600 metri; le condizioni climatiche erano più dure del previsto, con temperature che hanno raggiunto i 20 gradi sotto zero al campo base. Fino a quel momento la sua vetta non era mai stata tentata in inverno, all’epoca non c’erano record; a queste basse temperature si è aggiunto il forte vento che ha abbassato ancora di più la temperatura. La tempesta che hanno avuto al loro primo tentativo gli ha distrutto un paio di tende.

Il 27 giugno sono saliti in vetta, davanti al resto della cordata, i giovani sottufficiali Poma (aveva già due promozioni ed era un baqueano) e Zonni (cui, assieme al sottufficiale Araujo, era riuscita il 17 agosto 1954 la prima invernale del Cachi), conducendo un ritmo più veloce degli altri, riuscendo a raggiungere la vetta lo stesso giorno. Gli altri, ritiratisi a causa di un pericoloso temporale pomeridiano, rientrarono al campo base per riposarsi, non avendo superato quota 5600 metri. Per gli italiani quella era stata l’ultima possibilità, non avendo più tempo per un secondo tentativo, perché dovevano andare in Perù. Il giorno successivo si festeggia la prima vittoria, mentre gli italiani si ritirano a Jujuy, per trasferirsi in Perù; il 29 giugno c’è il secondo tentativo, fatto da Paco e Gallego Grajales, che hanno seguito una nuova via, con l’idea di tentare la vetta vergine del Chañi, la Nord-est, che ha una composizione granitica nella sua parte finale, per cui occorre arrampicare su roccia. Nonostante ciò, l’energia fisica e la tenacia dei due alpinisti permisero loro di raggiungere la vetta alle 16 del 29 giugno 1953, depositando sulla stessa vetta la testimonianza in un barattolo di sardine che fu poi ritrovato e riportato giù dall’alpinista cordovano Jorge Abel Tarditti 32 anni dopo.


Il sogno himalayano
Paco era un uomo risoluto e felice in quegli anni, sul punto di realizzare qualcosa che, più che un sogno, era una vera ossessione: scalare una delle tante vette dell’Himalaya, la catena montuosa più alta del mondo, superando gli 8000 metri di altezza, la sfida più grande, più pericolosa e terrificante per qualsiasi alpinista da qualsiasi parte del globo.

La giornalista Ana R. de Severino, del quotidiano Democracia, il 10 dicembre 1953, in un articolo intitolato  Gli argentini si preparano a sfidare l’Himalaya, ci disse:
”Al Congresso dello Sport, un anno fa, il generale Perón ha detto, più o meno: ‘è ora di porre fine alla vecchia situazione, 22 atleti guardati da 22.000 spettatori… Dobbiamo essere 22.000 atleti, guardati da 22 spettatori… io sono un po’ troppo vecchio per partecipare!’”.

All’aeroporto internazionale di Ezeiza, Paco parte per la Francia con la fidanzata Betty per seguire il corso di Guida d’Alta Montagna

Ed è quello che stiamo ottenendo, gli atleti argentini non solo sono sempre di più, ma anche più capaci. I nostri trionfi hanno oltrepassato i confini e non c’è sport che non abbia seguaci tra noi. Compreso l’alpinismo, com’è logico, vista la vasta catena di montagne che abbiamo. E anche i nostri alpinisti oggi si sentono capaci di misurarsi con i migliori alpinisti del mondo. Cosa che faranno l’anno prossimo in Himalaya. E non è una vetta qualunque, proveranno a scalare nientemeno che il Dhaulagiri, che raggiunge gli 8167 metri e respinse la spedizione francese, che in seguito sconfisse l’Annapurna, e poi, quella svizzera, che raggiunse i 7800 metri, senza riuscire ad avere successo. Tuttavia, la spedizione argentina, nonostante il difficile obiettivo proposto, attiva con entusiasmo i suoi preparativi, sotto l’abile organizzazione e direzione del suo capo, il tenente Francisco Gerónimo Ibáñez, il cui passato in montagna ci permette di alimentare le migliori speranze. Ibáñez ha infatti sei vittorie sui 5000 metri, cinque sui 5500 metri, sette sui 6000 metri, una sui 6800 metri (Tupungato), e sei sull’Aconcagua, questo solo nel nostro Paese. In Europa ha effettuato le classiche ascensioni delle Alpi, compiendo la traversata completa del Monte Bianco.

Incontriamo il tenente Ibáñez, nel suo ufficio della Confederazione Sportiva Argentina (COA), e naturalmente vogliamo conoscere i dettagli della grande avventura che sta preparando.

Quando prevede di partire, tenente Ibáñez?
A fine febbraio in aereo. Questo ci darà due mesi di tempo per la marcia di avvicinamento al Dhaulagiri.

Così lunga?
Beh, ti assicuro che è abbastanza giusto. Dobbiamo percorrere una distanza enorme, su strade dissestate che in molti posti mancano completamente. Anche attraverso foreste dove devi avanzare aprendo un varco. Beh, come avventura, non puoi chiedere di più… 

E chi saranno gli alpinisti scelti per partecipare?
La giornalista ci ha detto che, nella domanda posta in precedenza, ha avuto la lista di tutti gli alpinisti argentini per più di un anno in aspettativa di sapere chi sarà scelto. Ma Ibáñez non lo sapeva e ha proseguito:
Non si può essere precisi ancora. Lo si saprà solo dopo l’ultimo allenamento in alta montagna, a gennaio. Tra i migliori saranno scelti otto titolari e sei riserve.

I migliori? In che senso?
Nella formazione alpinistica e nel morale, nelle capacità fisiche e tecniche, nelle doti di cameratismo e di carattere.

Perfetto. Ci andranno solo gli scalatori?
E anche un medico e un regista, entrambi ottimi arrampicatori.

Tutti argentini, giusto?
Eccezione fatta di uno scalatore.

Uno scalatore straniero?
Sì, ospite del generale Perón, il cileno Roberto Busquets.

Roberto? Come sono felice! Ma permettetemi di non considerarlo uno straniero…
Roberto Busquets, nostro compagno più volte sull’Aconcagua, che vinse nel dicembre del 1951, è uno dei valori più positivi dell’alpinismo cileno, e un candidato indiscusso ad entrare, se doveva farlo, in una spedizione da quel paese all’Himalaya. La scelta, quindi, non avrebbe potuto essere più giusta.

Francisco Ibañez in cima al Monte Bianco

Conoscendo l’enorme importanza che assume la perfezione della squadra in salite di tale portata, chiedo al tenente Ibáñez informazioni in merito. Mi risponde:

L’attrezzatura che trasportiamo è la migliore e la più moderna. Tutto ciò che è stato utilizzato nelle precedenti spedizioni in Himalaya è stato studiato, sono stati cercati di perfezionare molti dettagli che hanno rivelato grandi o piccole imperfezioni e sono stati raggiunti risultati davvero soddisfacenti.

E chi era incaricato di un lavoro così delicato?
Il Ministero dell’Esercito.

Altre istituzioni collaborano con te?
La Confederazione Sportiva Argentina e il popolo stesso. L’industria argentina ha collaborato nei modi più diversi affinché la nostra spedizione parta perfettamente equipaggiata.

È solo che ci sono molte speranze riposte su di te… Credi, tenente Ibáñez, che il Dhaulagiri si arrenderà questa volta?
È molto difficile garantire qualcosa. Quello che posso dire è che abbiamo gli uomini migliori. Se il tempo ci aiuta, avremo il massimo vantaggio a nostro favore. Non resta altro che aspettare e fidarsi.

E Ana R. de Severino, si è commiatata dicendo: Speriamo, quindi, che i venti e le nevi ci permettano di calcare la vetta dell’inespugnabile Dhaulagiri, per la gloria dello sport argentino”.

La catena himalayana si estende per circa 2.500 chilometri di lunghezza e 500 di larghezza. Nel suo percorso, da ovest a est, attraversa i territori asiatici di Pakistan, India, Nepal, Tibet, Assam, Sikkim, Bhutan, e alcune ramificazioni penetrano in Cina. La vetta più alta è l’Everest e all’interno di quella scala, il Dhaulagiri è al settimo posto, con 8167 metri. Quando nel 1952 fu chiesto il permesso al governo del Nepal, dove si trova questa vetta, l’autorizzazione fu concessa per il 1954, poiché nel 1953 era stata autorizzata una spedizione svizzera.

Fu proprio uno di quegli alpinisti che, al suo ritorno, dichiarò sulla rivista Die Alpen: “La mia opinione è che la spedizione che raggiungerà il Dhaulagiri avrà compiuto un’impresa più grande dell’ascensione dell’Everest, sebbene la salita, molto allettante, sia certamente fattibile ma molto, molto pericolosa…”

Per compiere tale impresa, lo stesso Paco cercò in tutto il Paese uomini esperti capaci di integrarlo; e gradualmente si formò una squadra guidata dallo stesso tenente Ibáñez, accompagnato dal suo grande amico e compagno di cordata in varie salite, Fernando Grajales, di Mendoza, che si stabilì per due anni a Las Cuevas per prepararsi a 3000 metri di altezza. Felipe Godoy, allora vice sergente, il quale dichiarò di non aver mai sognato una compagnia del genere nella natia Paraná, ma fu scelto non solo perché negli anni aveva maturato una grande esperienza come alpinista, ma anche perché era specialista in esplosivi e aveva stabilito un record di esplosioni in quota: lo scopo dell’esplosivo era di facilitare la sistemazione degli ultimi accampamenti in alta quota prima dell’attacco in vetta; Gerardo Watzl, austriaco di nascita, 33 anni, il più anziano; Domingo Bertoncelj, sloveno; Roberto Busquets, cileno; il medico Antonio Ruiz Beramendi; l’architetto Jorge Iñarra-Iraegui, fotografo della spedizione; Miguel Ángel Gil, di Mendoza, in qualità di operatore radio, Hugo Benavidez, un altro di Mendoza, capo chef e l’avvocato Alfredo Eduardo Magnani, che a 17 anni aveva già calcato la vetta dell’Aconcagua, diventando così il più giovane scalatore della storia a farlo.

Francisco Ibañez si cala in doppia alla Duelfer nel corso per guide a Chamonix, Francia
Francisco Ibañez arrampica a Chamonix durante il corso per guida alpina

Il dottor Alfredo Eduardo Magnani, nel suo libro Argentinos al Himalayas dice a questo proposito:
Vero senso democratico manifestava Ibáñez quando selezionava la squadra dei suoi uomini senza tener conto se fossero compatrioti o meno; la pietra di paragone per averli scelti è stata l’amore per il nostro Paese e la capacità di agire individualmente o in squadra. Il 26 gennaio 1954, tutti i felici membri della spedizione si incontrarono a Buenos Aires e si recarono al palazzo del governo per eseguire i saluti protocollari. Lo stesso aiutante di campo ha descritto questo momento: “Il tenente generale Juan Domingo Perón è arrivato molto presto all’ufficio presidenziale, come era sua abitudine. Il suo primo gesto è stato quello di rivedere la sua agenda con le visite di protocollo previste per quel giorno, e una voce in particolare lo ha fatto sorridere. Nonostante il caldo intenso, quel 26 gennaio 1954, Perón appariva impeccabile nella sua divisa estiva.

Muovendo il corpo all’indietro e appoggiando comodamente la schiena al seggiolone, il generale evocò il volto di qualcuno che nel giro di poche ore sarebbe stato un fugace visitatore. Non poteva nascondere un sentimento di ammirazione e di affetto verso quel giovane ufficiale dell’esercito, che conosceva da appena due anni, legato come ufficiale di collegamento quando la spedizione francese aveva salito il Chaltén. Già allora tutta la sua preoccupazione era l’Himalaya; ‘Penso di aver fatto la cosa giusta nell’aiutarlo, questo ragazzo ha una fibra autentica, è un idealista, non si arrende a niente…’ deve aver pensato il generale Perón. In poche ore avrebbe detto addio alla spedizione guidata dal tenente Francisco Gerónimo Ibáñez, prima del loro viaggio in Himalaya. Quello che Perón non poteva immaginare era che non avrebbe mai più rivisto vivo il suo caro luogotenente Ibáñez”.

Così descrive quel momento  Alfredo Magnani:
“È stato un grande giorno per noi; in mattinata abbiamo visitato il Presidente della Repubblica Argentina, il Generale Juan Domingo Perón, nel suo studio privato presso il Palazzo del Governo. L’incontro è stato cordiale e ha visto la partecipazione del Ministro dell’Esercito, Generale Franklin Lucero, e del Presidente della Confederazione Sportiva Argentina, Dr. Rodolfo G. Valenzuela.

La parola amichevole del presidente ha dissipato rapidamente la rigidità che di solito caratterizza questo tipo di incontri; il suo affetto per il tenente Ibáñez è stato subito evidente e ha ascoltato con profondo interesse dalle labbra del nostro capo il piano di lavoro che ci siamo proposti di realizzare. Indubbiamente il generale Perón ha vissuto con noi in quei momenti l’entusiasmo dell’avventura che stavamo per iniziare ed è stato allora che ci ha dato un consiglio che, se fosse stato possibile metterlo in pratica in modo tempestivo, ci avrebbe permesso di raggiungere l’obiettivo desiderato. L’indicazione era quella di organizzare in India o in Nepal una ricognizione aerea sul Dhaulagiri e soprattutto sui suoi ultimi tratti, assolutamente sconosciuti. Con una stretta di mano ci augurò buona fortuna e consigliò prudenza. Adesso era tutto pronto.

Prima Spedizione Argentina in Himalaya (1954), assieme al Presidente della Nazione e al Ministro della Guerra

All’alba siamo partiti per Roma, con le Aerolineas Argentinas, Watzl ed io. Ibáñez ha scaglionato le date di imbarco dei suoi uomini, in base ai compiti che dovevamo svolgere in Europa e in India. Dopo aver lasciato la riunione, lo stesso tenente Ibáñez ha commentato con alcuni amici intimi le ultime parole di Perón, quel 23 gennaio:

“Non sono calmo, rimango preoccupato. Il generale Perón, quando stavamo partendo, mi ha detto: A presto, tenente… Immagina, sono anche un militare, per me è un ordine che non so se sarò in grado di eseguire, questo è il sogno della mia vita, ma non posso assicurare a nessuno che lo realizzerò…”.

Questo diceva il tenente Ibáñez, che all’epoca aveva solo 26 anni, alto (quasi due metri), fronte chiara, sguardo ampio, intelligente e franco, sorriso costante. Fu, come una volta lo definì sua moglie, un’esplosione fresca che raggiunse qualsiasi area e finì per infettare la sua giovinezza e la sua gioia. Di pochissime parole, amante solo dell’alpinismo, al Collegio Militare della Nazione, aveva praticato atletica leggera, non era noto che avesse una passione per nessuna squadra di calcio o per qualsiasi altro sport, fumatore occasionale, leader nato, con un peso assolutamente variabile, anche se la media era di 80 chili, perdeva fino a dieci chili quando faceva una delle sue frequenti salite, fumettista dilettante e ambidestro con un grande senso dell’umorismo, ha vissuto tutta la vita ossessionato dall’Himalaya. Ecco perché quando è iniziata l’avventura, certamente non pensava che quella sua passione gli sarebbe costata la vita di lì a sei mesi.

La spedizione argentina al Dhaulagiri
Intanto la signora Beatriz ImObersteg de Ibáñez era rimasta con i suoi genitori a Buenos Aires, in attesa dell’arrivo del suo primo figlio e del ritorno del marito dal lontano continente asiatico, dove si era recato per realizzare il suo sogno tanto atteso. Il viaggio in Asia è stato scaglionato a causa delle diverse missioni che ogni membro doveva compiere; normalmente viaggiavano in due membri, ma questi dettagli sono molto ben raccontati nel libro che il dottor Alfredo Eduardo Magnani ha pubblicato in spagnolo al suo ritorno e anche in qualcosa di simile, realizzato in sloveno, Dinko Bertoncelj assieme al suo concittadino Vojko Arko.

Arrivarono a Delhi, in India, il 14 febbraio 1954; la maggior parte del carico di 12 tonnellate era andato in nave al porto di Bombay. E solo quasi due mesi dopo, il 3 aprile, si sono incontrati di nuovo in quello che era il campo base, sulla parete sud-ovest del Dhaulagiri. In tutto quel tempo hanno dovuto percorrere migliaia di chilometri attraverso l’India, prima e il Nepal, poi, compresi 6 viaggi in aereo per trasportare tutta l’attrezzatura a Pokhara, dove hanno assunto aiutanti locali, nativi di queste zone, quindi adatti al compito. In totale, circa trecento portatori e trenta sherpa, ottimi conoscitori delle regioni montuose. Una delle prime cose che gli indigeni impararono fu bere mate ed era anche quella parola che impararono per la prima volta a dire in spagnolo, e rimase con loro; era un rito cui si sottoponevano tutti molto volentieri, ogni mattina.

I membri della Prima Spedizione Argentina in Himalaya “Presidente Perón”

A quel punto, stavamo combattendo fondamentalmente contro il tempo poiché era essenziale intraprendere la salita al Dhaulagiri prima che arrivasse la stagione dei monsoni con le sue piogge torrenziali e i forti venti in presenza dei quali nulla sarebbe stato possibile.

Piazzato il campo base, come di consueto, si è cominciato ad installare progressivamente gli altri campi. Ognuno di loro serviva da rifugio per gli scalatori. Un compito faticoso lento è stato il trasferimento di tutto il materiale necessario. Quando diciamo questo parliamo di grandi altezze, di temperature che hanno raggiunto i 20 gradi sotto zero su un terreno innevato con pendenze enormi, neve che poteva essere morbida e consentire una maggiore possibilità di salita o molto dura e diventare così un pericoloso e scivoloso iceberg…

Tra campo base e campo uno c’erano 18 km e 1.000 metri di dislivello; il campo due era a un’altitudine di 5000 metri e lì erano state sistemate tre tende; il campo tre è stato allestito a poco più di 5500 metri di altitudine ed è stato anche la base di tre tende; il campo quattro è stato posizionato a 6000 metri per individuarne in seguito un altro, il campo cinque, a 6500 metri. Le sezioni finali e quelle che, ovviamente, sarebbero state elementi fondamentali di questa storia, erano a 7200 metri di altezza, nel campo sei, che è stato installato, utilizzando un totale di 28 cariche di dinamite in tre giorni e a 7600 metri, è stato allestito il settimo.

Se i numeri riflettessero anche solo pallidamente ciò che costituiva questa spedizione, va detto che da quando è iniziata la salita, il 3 aprile, fino al raggiungimento della quota massima il 1 giugno, a 8050 metri, appena 117 metri sotto alla vetta, erano passati quasi due interi mesi di fatiche, disagi e piccoli successi. Solo il trasporto di elementi logistici, come cibo, radio, attrezzature, ecc., richiedeva talvolta più giorni tra un campo e l’altro, e più di una notte, data la ristrettezza delle tende, alcuni membri dormivano all’aperto, totalmente fuori all’aperto, legati alle corde, mentre gli altri si accomodavano all’interno come meglio potevano…

Il congelamento dei piedi di Ibáñez
Il tenente Ibáñez si lamentò forse per la prima volta durante l’intero viaggio. Era il 29 maggio, praticamente la spedizione aveva compiuto quasi tutti i passaggi previsti. Non è stato l’unico a presentare congelamento ai piedi, uno dei pericoli più comuni affrontati dagli alpinisti, poiché anche altri membri, inclusi tre sherpa, ne erano stati colpiti. Così Bertoncelj, uno degli affetti, chiede di tornare dalla posizione occupata, campo sette, a 7600 metri, al campo sei, a 7200 metri, per essere curato assieme agli sherpa.

Prima Spedizione Argentina in Himalaya (1954), secondo campo. Foto: Collezione Roberto Busquets.
Il trasporto di Francisco Ibañez con i piedi congelati. Spedizione al Dhaulagiri 1954. Foto: Collezione Roberto Busquets.

Quando è stato anche lui invitato alla discesa, Ibáñez rifiuta:
“No, assolutamente no, qualcuno deve restare qui, ad aspettare chi proverà a raggiungere la vetta. Rimarrò io! Scendi tu!

Ibáñez sarebbe rimasto completamente solo, mentre due uomini, Magnani e Watzl, accompagnati da due sherpa, avrebbero cercato di raggiungere la vetta. Il 1 giugno i quattro partirono. Per la prima volta si sente un suono assolutamente proibito tra gli alpinisti dell’epoca: il pianto. Anche se tutti sanno che non dovresti mostrare alcun sentimento, è impossibile non farlo. Per Ibáñez, pur non potendo salire con i compagni, si avvicina un momento pian piano caro da molti anni. Per gli uomini che ora puntano alla vetta, quel 1 giugno si avvicinava la sfida finale.

Quando si avvicinò la notte, accettarono che per quel giorno era impossibile e dovettero passare la notte, anche se non avevano quasi cibo. “Domani ci proveremo”, dicono. In una piccola grotta di ghiaccio consumano quel poco di cioccolato, formaggio e latte condensato che erano rimasti, mentre fuori si sente un rumore inquietante, cominciava a nevicare.

La mattina dopo non nevicava più, ma la cima non era visibile, era quasi impossibile calcolare se fossero davvero vicini, continuare a salire poteva equivalere alla morte in condizioni così precarie, decisero di tornare al campo sette, dove era Ibáñez.

“Non riesco a trovare i ramponi. Sarà possibile? Non riesco a trovarli” La voce del tenente era piena di dolore.

Era già il 4 giugno, erano passati tre giorni dalla partenza dei suoi amici, ora appena rientrati dal tentativo di raggiungere la vetta. Il freddo aveva immobilizzato totalmente le estremità di Ibáñez e, in queste condizioni, non c’era altro modo che scendere. Solo che, con i piedi congelati e senza i ramponi che gli avrebbero permesso di ripararsi nella neve, Ibáñez era un corpo disarmato, che doveva essere aiutato a scendere, quasi un peso morto, trascinato dai suoi portatori attraverso la neve. Sono arrivati ​​al campo 4, solo il 9 giugno; Ibáñez, era già immobile da quasi dieci giorni. Il dottore Ruiz Beramendi, è stato schietto: “Devi scendere subito. Non mi piace per niente!”.

Poi iniziò una corsa disperata contro la cancrena e il tempo
Era necessario recuperare l’equipaggiamento anche sulla via del ritorno, ma molto più importante era la salute di Ibáñez e di due sherpa, anche loro colpiti dal freddo. L’implacabile conto alla rovescia si fece lento, troppo lento. “La condizione dei piedi è molto grave” ripete il dottore “vorrei che fossimo già a Pokhara!”. Che è una piccola città che è a diversi giorni di cammino attraverso giungle e torrenti ma che ha un aeroporto precario. Da lì il piccolo bimotore potrebbe raggiungere la città di Kathmandu, in 45 minuti di volo, a patto che il temuto monsone non iniziasse a soffiare. La disperazione devasta tutti, anche se il solito ottimista Ibáñez sembra sentirsi meglio. Portato sulle spalle dei suoi assistenti, sorride appena, mentre con un ombrello si copre dal sole insopportabile, nelle giornate limpide poiché piove abitualmente. Inoltre, ha anche avuto il tempo di scrivere una lettera alla moglie incinta. La marcia forzata si è fermata a Beni, una cittadina. Lì, il 23 giugno, sono trascorsi più di venti giorni da quando Ibáñez ha iniziato ad avere seri problemi.

“Ho dovuto amputargli le dita dei piedi”, si lamentò amaramente il dottore. Non c’era tempo e dovevano continuare la marcia. Sono arrivati ​​alla tanto sospirata Pokhara il 27, e la mattina dopo è stata eseguita una nuova operazione. I medici riferiscono “Gli abbiamo amputato il metatarso del piede sinistro, ma non siamo riusciti ad intervenire sul destro. Era molto debole, troppo debole. Gli abbiamo iniettato del plasma. Al momento dorme, ma il freddo intenso gli ha portato anche una complicazione polmonare”.
Gli sguardi dei membri della spedizione, dei loro compagni, dei portatori e degli sherpa cercavano nel cielo l’aereo della salvezza e le orecchie cercavano di percepire il rumore dei motori. Kathmandu, diventata un simbolo: il simbolo di una giovane vita che sembrava scivolare via. Descrive per noi questo momento Ibanez.

Il drammatico trasporto di Francesco Ibañez. Spedizione al Dhaulagiri 1954. Foto: Collezione Roberto Busquets.
Le condizioni dei piedi di Francisco Ibañez. Foto: Collezione Roberto Busquets.

Alfredo Magnani, nel suo libro Argentinos al Himalayas ha scritto:
Il Douglas DC 3 ha cominciato a diventare più visibile man mano che si avvicinava. Il rumore dei suoi motori vibrava sempre più intenso, senza perdere un attimo i preparativi per la partenza erano completati; il dottor Antonio Ruiz Beramendi accompagnò Ibáñez su quel primo volo, gli altri poi si recarono a Kathmandu. Il paziente è stato accuratamente adagiato su una barella e trasferito da un gruppo di sherpa e portatori, guidati da Tarzan, il nostro fedele cacciatore, che aveva pregato di accompagnare il Bhara Sahib (Ibañez), fino all’ultimo momento. La carovana è entrata nella strada di quasi tre chilometri che, dopo aver attraversato la cittadina di Pokhara, conduce all’aeroporto. La gente del posto si è radunata lungo il percorso, mostrando evidenti segni di dolore e simpatia. L’equipaggio della macchina ha ritardato il volo fino all’arrivo dei viaggiatori. Mentre Ibáñez era installato all’interno dell’aereo, uno dei piloti consegnò a Iñarra-Iraegui un telegramma indirizzato al nostro capo e proveniente da Buenos Aires. Ha portato la notizia che pochi giorni prima era nato suo figlio, accompagnato dai bei ricordi della moglie, che attendeva con ansia il suo felice ritorno.

Nonostante il disagio provato durante il suo trasferimento sull’aereo, Ibáñez aveva ripreso conoscenza. Dopo i bruschi movimenti di decollo, tipici di una macchina di quelle dimensioni su una pista così irregolare, e il rumore dei motori si è placato, Iñarra-Iraegui ha informato il suo collega e capo, mentre si aggrappava saldamente alla barella per attutire i movimenti provocati dal volo: Paco, tu sei padre, tuo figlio è nato. Betty, sta bene e sta aspettando il tuo arrivo. Il volto emaciato del malato si illuminò per qualche istante, cercò di dire qualcosa, ma la sua gola esausta non riuscì a emettere alcun suono. Si riaddormentò placidamente, come se avesse aspettato questa piacevole notizia. Ruiz, si asciugò il sudore che colava dalla sua fronte chiara.

Dopo un volo di quarantacinque minuti su montagne coperte di colture, l’aereo è atterrato all’aeroporto di Kathmandu. L’arrivo del nostro capo era noto alle autorità nepalesi dalle informazioni inviate in precedenza. Un’ambulanza attendeva il paziente in aeroporto e senza perdere tempo è stato trasferito all’ospedale del Nepal, un grande e antico edificio eretto nel centro della città, a poca distanza dal palazzo reale. Il re del Nepal aveva dato ordine al suo medico di famiglia di collaborare con il dottor Ruiz, nell’assistenza del capo della spedizione argentina. Tutto è stato preparato con cura in quell’ospedale per prendersi cura del paziente. Una volta che Ibáñez vi fu insediato, il primo ministro di quel paese, la seconda principessa, il secondo figlio del re, l’ambasciatore britannico, quello indiano e altre personalità

Di notte Ibáñez ha avuto un netto miglioramento, poteva bere liquidi senza grandi difficoltà ed era in grado di muovere le braccia. Si è ritenuto necessario fornire ossigeno per facilitare la respirazione, incontrando l’inconveniente che l’ospedale non aveva che scarse risorse di questo gas. Immediatamente l’aereo privato del re del Nepal è volato nella città indiana di Patria per cercarlo. Questo sostegno spontaneo del governo e del popolo del Nepal è stato incoraggiante, data la situazione angosciante che ci ha travolto. Lo stato del nostro capo è rimasto senza grandi variazioni anche se sembrava mostrare un leggero miglioramento.

Tuttavia, i medici sapevano che non avrebbe resistito a nessuna complicazione che potesse sorgere. Al tramonto abbiamo ricevuto il seguente messaggio, datato il giorno prima:Paco è un po’ migliorato, ma le sue condizioni sono ancora molto gravi. È necessario che tutti si rechino in questa città per avere il visto del passaporto, requisito essenziale per rientrare in India. Tutti i problemi relativi alla spedizione di merci attraverso l’India sono stati risolti. Facciamo tutto il possibile per salvare Paco. Firmato Ruiz e Iñarra-Iraegui’.

Non sapevamo quando potevamo attenerci alle indicazioni ricevute, visto che il maltempo sembra infuriare. Il giorno successivo non è arrivato nessun aereo, né abbiamo ricevuto notizie. Questa attesa è stata esasperante!

Francisco Ibañez nel momento in cui a Pokhara è salito a bordo dell’aereo diretto a Kathmandu. Foto: Collezione Roberto Busquets.

La triste notizia
Il 1° luglio, mentre facciamo colazione nel nostro rifugio di lamiera, vediamo arrivare il governatore di Pokhara, protetto dalla pioggia da un ombrello. Questa visita non ci ha sorpreso perché si ripeteva ogni giorno. Gil e Watzl, nella loro qualità di interpreti, hanno il compito di riceverli e invitarli a prendere una tazza di tè. Il governatore esita un po’ prima di entrare, ripiegando lentamente il suo ombrello gocciolante e depositandolo in un angolo. I classici saluti si sono intrecciati, sorprendendoci il fatto che il visitatore non accetti il ​​posto che gli viene offerto, né la tazza di tè. Dopo aver fatto riferimento al tempo inclemente e ad altre questioni irrilevanti, il governatore improvvisamente dice: Il vostro capo è morto…

Anche se molti di noi non capivano l’inglese, abbiamo subito capito cosa ci diceva il governatore. Gil, che è rimasto un attimo paralizzato dalla triste notizia, chiede al suo interlocutore conferma della dolorosa notizia. Il governatore ci dice a voce quasi bassa: “Sì, amici, il tenente Ibáñez, è morto ieri all’ospedale di Kathmandu. Stamattina ho sentito la notizia alla radio. Sono profondamente dispiaciuto…”.

Gil, con voce rotta, traduce parola per parola la comunicazione del visitatore. Ci sentiamo tutti bloccati nel posto in cui siamo, resistiamo a crederci. No, non era possibile che il nostro amato Ibáñez, l’anima della spedizione, l’uomo pieno di energia, avesse ceduto; no, non poteva essere vero…

Nella basilica di New Delhi in India, la veglia prima di portare le sue spoglie in Argentina

Dalle nostre labbra non esce una domanda. Perché? L’ossequioso governatore si ritirò tranquillamente nella sua residenza, dopo aver espresso il suo dolore e la sua solidarietà. Il silenzio regna all’interno del recinto, non possiamo reprimere le lacrime che scendono lungo le guance abbronzate dal clima rigido e dal tempo. Ci guardiamo, non diciamo niente; ma tutti pensiamo a quella vita giovane e brillante interrotta; nel bambino lontano che non conoscerà mai suo padre; nella giovane che attende con ansia il marito per mostrargli con orgoglio il frutto della loro unione; nei loro genitori; in tutti coloro che hanno riposto la loro fiducia in lui, nei suoi amici e anche in noi che abbiamo perso il compagno d’infanzia e una forte guida.

E allora abbiamo pensato: poteva essere vano quel sacrificio? Non ci crederemo mai. Ibáñez è morto da eroe, da uomo che ha deciso di abbandonare il facile percorso che le sue condizioni personali gli offrivano, la sua amata casa, tutto alla ricerca di un ideale. Quell’ideale non si limitava al fatto materiale di sconfiggere un gigante dell’Himalaya e ricoprirsi di gloria, ma desiderava invece dimostrare il coraggio della gioventù argentina e con un alto spirito di altruismo andò a scrivere una pagina brillante nella storia delle imprese più audaci del mondo.

Il decesso sarebbe avvenuto secondo quanto riferito dal dottor Antonio Ruiz Beramendi, medico della spedizione, per grave congelamento agli arti inferiori e broncopolmonite, alle 7.07 del 30 giugno 1954. Il corpo fu trasferito a New Delhi, in aereo, dove si sarebbe effettuata l’imbalsamazione per il trasferimento in Argentina. Al momento della sua morte, il tenente Francisco Ibáñez aveva ventisei anni.

Alfredo Eduardo Magnani, che pubblicò un anno dopo il libro Argentinos al Himalayas, edito da Fluix, scrisse di questi ultimi momenti della spedizione e di Francisco Ibáñez:
La morte di Paco ha avuto una grande ripercussione internazionale e soprattutto in Nepal, dove le autorità del Paese e le rappresentanze diplomatiche e sociali delle colonie europee hanno fatto eco alla situazione. Un sacerdote gesuita americano e direttore di una scuola situata alla periferia della città, ha celebrato una messa; la Missione Tecnica del Nord America è stata quella che ha costruito la bara per il trasferimento, dato che come è consuetudine in questi Paesi asiatici i cadaveri normalmente vengono cremati e non sarebbe stato possibile ottenere questo corredo funerario”.

Il tenente Ibáñez era morto. Senza mai vedere suo figlio, senza aver potuto salire sulla sua tanto attesa vetta himalayana, tra volti sconosciuti, amichevoli, preoccupati, intrappolato dal suo coraggio, dalla sua umiltà, dal suo spirito indomabile. In quel momento nacque un eroe‚ per lo sport argentino; lontano, sulle montagne più alte della terra, il condor andino ripiegava le sue gloriose ali. Giovinezza, coraggio, competenza e intenso fervore del paese, guidarono la magnifica carriera del I° Luogotenente Francisco Ibáñez, che, cadendo l’ultimo giorno, lasciò un esempio eterno delle sue virtù.

Il presidente Péron porge le condoglianze alla vedova Beatriz Ibañez

Dopo lo stupore delle prime notizie, la dolorosa verità scosse intensamente la Nazione. Più tardi, l’arrivo a Buenos Aires delle sue spoglie e il successivo trasferimento nella Provincia di Mendoza, suscitò le espressioni più nobili e il più grande dolore, che lo accompagnò fino alla sua ultima dimora, ai piedi delle Ande, quelle che lui aveva dominato tante volte con la sua audacia e il suo coraggio.

La bara è stata trasferita da New Delhi, in India, accompagnata dal medico della spedizione, il dottor Antonio Ruiz Beramendi, procedura eseguita dall’allora ambasciatore nel suddetto Paese, René Rawson, facendo scalo all’aeroporto di Ciampino a Roma. Luogo da cui è stato trasferito con un T-19, un aereo dell’Aeronautica Militare argentina, in atterraggio alle 10.25 dell’11 luglio, scortato da altri tre aerei dell’Aeronautica Militare, all’aeroporto della città di Buenos Aires.

Intanto, a Buenos Aires e a Mendoza, erano già iniziate le procedure e le attività per ricevere le spoglie e poi trasferirsi in quest’ultima provincia dove era prevista la loro ultima dimora. Nel frattempo, al Congresso, come nel governo nazionale, sono state avviate tutte le procedure necessarie per la promozione Post Mortem dell’estinto Capo della spedizione. Nella nona sessione regolare della tredicesima riunione, il 1 luglio 1954, presieduta dal dottor Antonio J. Benítez e dalla signora Delia D. Degliuomini de Parodi, si votava per promuovere il tenente Francisco G. Ibáñez al grado di superiore immediato; vi hanno partecipato 101 deputati, di cui 100 voti furono favorevoli.

Francisco Ibañez, sul quotidiano La Democracia, con il piumino e lo zaino acquistati in Germania nel negozio di Schuster

Nella predetta seduta del 1° luglio 1954 furono ascoltati diversi deputati. In primo luogo il deputato di Buenos Aires, Antonio JC Deimundo, che ha detto:
“Signor Presidente, onorevoli colleghi deputati: parlo in questa commemorazione con profonda commozione argentina come legislatore, e con il massimo dolore come soldato. Un condor argentino ha abbassato le ali nell’India leggendaria; caduto un soldato argentino, il tenente Don Francisco Ibáñez. È caduto nella sua legge, sfidando tutte le intemperie del clima inospitale, per aver adempiuto al suo dovere e per aver portato alta questa amata bandiera blu e bianca, e portandola – come voleva – a volare sulle vette più alte della terra, a che ha sventolato così in quel luogo, molto orgoglioso, perché rappresenta un popolo socialmente giusto, economicamente libero e politicamente sovrano.

Il tenente Ibáñez aveva temprato il suo spirito con tutte le virtù del soldato argentino. Era studioso, sobrio, scaltro, dal cuore forte, instancabile, insensibile alle difficoltà, avvezzo a una vita frugale e avventurosa; e né la più aspra campagna né il pericolo lo fecero mai ritirare. Nonostante la sua giovinezza era maturo per essere un grande capo, responsabile. Ecco perché vediamo questo giovane soldato cadere come un eroe davanti al nemico nel momento decisivo del combattimento: l’assalto al grido di Viva la Patria!

In questo caso i nemici erano il tempo, il freddo, la neve, la terribile solitudine delle montagne, e anche la sua autostima, che gli fa tacere il dolore e il gelo di entrambi i piedi affinché lo scoraggiamento non si diffonda tra i suoi uomini e per non essere un peso per loro; perché là, in quella terribile solitudine delle montagne, come nelle regioni polari, l’uomo che resta muore sepolto dalla neve o veramente è un peso per i suoi compagni. Il tenente Ibáñez lo sapeva molto bene; per questo ha preferito nascondere il suo dolore e andare avanti finché ebbe un soffio di vita, per essere un vero esempio e leader del suo gruppo.

Sapeva benissimo che il suo trionfo non sarebbe stato solo suo, ma anche della sua amata patria; per questo le sue parole: “Forse non arriveremo tutti, forse arriverà uno solo”; ma voleva il trionfo della sua bandiera, e che sventolasse – come ho detto – dove nessun’altra al mondo aveva sventolato. L’esempio del tenente Ibáñez durerà per sempre tra noi, perché lui, soldato della Repubblica, ha ripubblicato le nostre glorie del passato, rappresentando gli sforzi del presente, ed è un esempio per le speranze del futuro”.

Copertina della rivista Esto Es sulla spedizione argentina in Himalaya, 1954
Il quotidiano La Razón ha scritto: è morto il tenente Ibañez, che per tre giorni ha nascosto il congelamento alle gambe

Signor Presidente: in omaggio a un soldato così brillante, esempio di questa Nuova Argentina, propongo alla Camera di inviare una nota di condoglianze alla sua famiglia e il giorno del suo funerale, di inviare una corona di alloro o foglie di quercia, per il suo significato; e che, come espressione del desiderio della Camera, sia inviato al Potere Esecutivo, chiedendo di essere promosso Post Mortem, per meriti straordinari”.

Successivamente è intervenuta la deputata per la provincia di San Juan, sig.ra María Urbelina Tejada, seguita dal deputato Luis M. Gallo. Dopo quest’ultimo intervento, si è svolta la votazione, con esito quasi unanime favorevole, della mozione proposta. Era datata 8 luglio 1954, promozione post mortem del tenente Ibáñez. Il decreto del Potere Esecutivo di detta ascesa, dell’eroico sportivo, dice testualmente: “Visto lo svolgimento della Prima Spedizione Argentina in Himalaya “Presidente Perón”, quanto richiesto al Potere Esecutivo dall’Onorevole Camera dei Deputati della Nazione e dal Ministro Segretario di Stato per l’Esercito, e considerando:

che la scalata al Dhaulagiri fu impresa eccezionale, per essere giunta in prossimità della sua vetta, superando ostacoli fino ad allora insuperati;

che questo fatto, sviluppato nelle condizioni più avverse, riveli l’esistenza di un insieme di volontà poste al servizio del compimento di un ideale superiore;

che il tenente Francisco Gerónimo Ibáñez era il capo di quella compagnia e nello stesso tempo un esempio amico e consigliere dei membri della spedizione che guidava con l’abilità di un maestro, la prudenza dell’esperto e la gentilezza del capo virtuoso che disinteressatamente curava la vita dei suoi uomini fino all’estremo limite delle loro possibilità;

che il tenente Ibáñez, pur intuendo il prezzo di uno sforzo così sublime, non distogliesse nemmeno un istante lo sguardo dall’ambita meta, il desiderio patriottico di fare l’insegnamento che ispira, segna e presiede i destini della Patria;

che il suo atteggiamento eroico ha meritato il tributo unanime del popolo argentino, che riconosce nella sua impresa, le virtù più elevate con cui si affina la nazionalità;

che il cumulo delle suddette circostanze non solo esalti giustamente la personalità del tenente Ibáñez, ma riveli anche l’esistenza di meriti straordinari che lo rendono degno del riconoscimento con cui la Nuova Argentina premia i suoi figli più devoti;

in merito a tali circostanze eccezionali, il presidente della Nazione Argentina, decreta:

di promuovere al grado immediatamente superiore, prima del 28 giugno 1954, per meriti straordinari, il tenente Francisco Gerónimo Ibáñez, capo della Prima Spedizione Argentina in Himalaya “Presidente Perón”.

Il quotidiano peronista Democracia diceva: eroismo e sacrificio
Il quotidiano Critica scrisse: Péron ha presieduto al ricevimento delle spoglie del tenente Ibañez

Arrivo in Argentina delle spoglie del tenente Ibáñez
Qualche istante prima dell’atterraggio dell’aereo che trasportava le spoglie dello sfortunato tenente, arrivò il magistrato capo, il tenente generale Juan Domingo Perón, accompagnato dai ministri dell’Esercito e della Marina, il generale Franklin Lucero e dal contrammiraglio Olivieri, il presidente della Confederazione Argentina de Deportes, il dottor Valenzuela, il capo della casa militare colonnello D’Onofrio, l’aiutante presidenziale in servizio, il tenente comandante Hugo C. Guillamón, ricevuto sulla spianata dal ministro dell’Aeronautica e dalle forze formate per rendere gli onori, sia il presidente che la bara del defunto militare.

Quando l’aereo si fermò, la bara ricoperta dai colori del nostro Paese e listata da una striscia di crespo nero fu calata da soldati di montagna vestiti da sciatori; erano presenti anche la vedova del Primo Luogotenente Ibáñez, la Sig.ra Beatriz ImObersteg de Ibáñez, e altri parenti.

Lì, l’assistente navale del primo magistrato, il capitano di corvetta Hugo C. Guillamón, lesse il decreto del potere esecutivo, con il quale il tenente Francisco Ibáñez fu promosso al grado immediatamente superiore, seguito da uno squillo di tromba. Il corteo funebre si è poi recato alla Casa del Deporte, preceduto da un motociclista della Polizia Federale, in custodia. Dopo il carro dei cannoni, trascinato da un vettore e scortato da tre veicoli simili occupati da soldati di sci e una sezione di motociclisti dell’esercito, seguito dall’auto del generale Perón, che era accompagnato dai ministri dell’Esercito, della Marina e dell’Aeronautica, il presidente dello Sport argentino e l’aiutante di campo navale. In un secondo veicolo erano la signora Ibáñez e parenti, accompagnati dal capitano Renner.

Una volta arrivato il corteo funebre alla Casa del Deporte, la bara è stata trasportata dai soldati di sci alla cappella funeraria. La guardia d’onore dall’ingresso dell’area mortuaria era coperta da una doppia fila di soldati sciatori, mentre accanto alla bara c’era una scorta composta da due soldati sciatori, due dell’Aeronautica Militare, due della Marina Militare e due scalatori civili.

La rivista El Grafico in prima pagina scrive il necrologio di Ibañez
Francisco Ibañez sulla copertina della rivista Mundo Deportivo ha in mano un numero del 1954 della rivista francese La Montagne.

Il capitano Ricardo Miró, in qualità di rappresentante dell’esercito argentino, ha detto addio alle spoglie del soldato caduto in Himalaya, con le seguenti parole:
Eccellentissimo Presidente della Nazione, Eccellentissimo Ministro dell’Esercito, Signore e signori, compagni: l’esercito argentino affida alla mia parola la missione molto dolorosa di far cadere il corpo sdraiato di questo eroe, che ci fa parlare della sua sofferenza e di quanto lo ammiriamo. Ci è rimasta una lezione scritta sulle vette più alte della terra. È una lezione eroica sottolineata con sangue argentino con il martirio; è un grido di incoraggiamento e di ottimismo; un urlo di forza. È la voce del tenente Ibáñez, che i venti monsonici fanno vibrare attraverso le altezze e che ci trasmette il suo ultimo messaggio, il suo consiglio postumo: In alto! Su! È una lezione sublime. Impariamo. E quando esercitiamo il nostro supremo dovere di cittadini e soldati, abbiamo bisogno dell’incoraggiamento che spinge e dell’esempio che conforta e della parola che consiglia, Ascoltiamo la voce di questo nostro eroe e proseguiamo sulla salita che ci porta alla gloria: Su! Su!  

Signori! C’è chi issa la prudenza come una bandiera che giustifica l’inazione, la viltà; ma per il bene della patria vivono anche i predestinati della gloria, coloro che, vincendo la paura, il pericolo, il dolore, ignorano la solenne lentezza della prudenza e la tremenda frigidità del calcolo, perché sentono il calore del coraggio, il palpitare accelerato del generoso cuore, il disprezzo per la vita, che è tipico dei templi d’acciaio e le splendide intuizioni di tutti coloro che hanno lasciato le impronte luminose di un cammino terreno. Il tenente Ibáñez era uno di questi! Sì, perché l’uomo il cui transito, aureolato di gloria eroica, ha scosso nell’angoscia l’immenso cuore del suo popolo, era uno di quelli che non sussultano di fronte al pericolo, o al dolore, o alla morte, quando dopo il pericolo e il dolore e Morte, c’è un ramo d’alloro per il paese. Tale era la fisionomia morale del tenente Ibáñez, che, sorridendo al pauroso sussurro, innalzò la sua fede, mise in atto il suo coraggio, agitò l’ideale di 18 carati della sua arrogante giovinezza, e si lanciò in vetta, per strappare dalla montagna cupo, il mistero bavarese della sua alta vetta; e inchioda nel vergine candore delle sue selvagge nevi, l’ineffabile messaggio del benedetto padiglione azzurro e d’argento.

Oh tenente Ibáñez! Creatura sublime! Il nostro benedetto compagno che è caduto brutalmente, stroncato! Come hanno ascoltato la tua volontà là, nell’assoluta alterità dei cieli! Più alto! Più alto! Hai gridato senza parole, ma sempre ascendendo, come il condor andino, con l’unghia bruciata e il dolore nella carne, i pendii scoscesi ed esotici dell’antica Asia. Ora sei lassù, dove la bandiera blu e bianca del cielo sventola eternamente! La durezza ruvida delle terre di Cuyo, impressa sul tuo carattere la sua dura resistenza e le cime e le colline della sua orografia bavarese, hanno familiarizzato la tua infanzia con tutto ciò che è alto, con tutto ciò che è grande. E così è stato, come le tue illusioni e i tuoi ideali di adolescente con impeto eroico, sono cresciuti piumati all’età di 15 anni, perché è stato dato al tuo candore avventuroso con sfumature di esploratore e poeta, guarda il cielo dallo stesso punto in cui lo vedono i condor: dalla vetta selvaggia dell’indomito monte! Sei volte hai piegato la verticale dell’Aconcagua! Il massiccio andino era tuo compagno; sul dorso dell’enorme gigante, il tuo passo agile di precoce e potente domatore di vette, lasciò il segno sicuro del tuo cammino; i condor ti coronavano il capo di ali battenti; i venti dall’alto fecero risuonare nelle vostre orecchie l’acuto grido di gloria; la solitudine delle vette ti offriva l’augusto omaggio del silenzio; e al tuo passaggio giovane trionfante la notte andina adornò di stelle il cielo sereno.

Francisco Ibañez sulla copertina della rivista Vea y Lea
Foto artistica pubblicata nel libro Argentinos al Himalaya di Alfredo Magnani

Signori: la brevità della vostra esistenza non è stata di ostacolo alla realizzazione del vostro eroismo; cresce il suo entusiasmo, l’inesauribile e cordiale incoraggiamento del Presidente della Nazione e del suo Ministro dell’Esercito e aureolato dalla sua giovinezza, luminoso di ideali, pieno di fede, lancia la sua definitiva ascesa verso la gloria. Trabocca i confini del paese e con la splendida voglia di raccogliere più allori per l’amata Patria, si lancia in una sublime acrobazia di un giovane condor, dalle nostre Ande, all’antica Himalaya. Un uragano lo guida: è lo stesso uragano che ha guidato tutti i grandi della terra; uragano che era in lui, sprone del suo sforzo eroico; motore dei suoi impulsi virili e consapevolezza militare della sua missione e del suo dovere. Dovere che doveva essere adempiuto in modo così compiuto; che lo fece tacere davanti all’artiglio brutale del dolore e che lo portò a continuare a salire a piedi morti, a cadere sul suo scudo, la testa poderosa spruzzata di neve, il busto rigido, come un blocco di pietra della forte montagna e avvolse tutta la lui, nel fresco alloro delle sue stesse imprese.

Oh tenente Ibáñez! Con quali caratteri indelebili hai già inciso il tuo nome sull’inaccessibile frontespizio della montagna ghiacciata! Con quale dolorosa supplica hai conquistato i tuoi privilegi nel pantheon che la giustizia innalzerà un giorno, per i grandi della tua statura! Con quali caratteri indelebili hai già inciso il tuo nome sull’inaccessibile frontespizio della montagna ghiacciata! Con quale dolorosa supplica hai conquistato i tuoi privilegi nel pantheon che la giustizia innalzerà un giorno, per i grandi della tua statura! Con quali caratteri indelebili hai già inciso il tuo nome sull’inaccessibile frontespizio della montagna ghiacciata! Con quale dolorosa supplica hai conquistato i tuoi privilegi nel pantheon che la giustizia innalzerà un giorno, per i grandi della tua statura!

Ecco come ti vediamo, tenente Ibáñez: magnifico in gloria sotto la cupola dell’atteso pantheon; fuso in bronzo eterno; caduto sulla montagna infida della morte; bruciando il tuo amore per il bene della Patria assente; offrendo il vulcano ardente del tuo petto, al posto del blocco sommitale che avresti scalato.

Così ti vediamo: grande e buono, alzando il tuo cuore come un’offerta; guarda indietro a casa lontano; riempi la tua pupilla, con la sagoma aggraziata della giovane sposa che preme contro i brandelli del suo cuore, il corpicino del figlio sognato, che non vedresti mai.

Ecco come ti vediamo: come un fuoco d’amore; come un lampo di tenerezza che scalda la vita dei tuoi vecchi genitori; l’albero della bandiera blu e argento si erge come un’ombra gloriosa che fa la guardia e come una nuova vetta di granito, il cui ago di pietra, simbolo della perfetta verticale della tua vita, ci impone silenziosamente l’inevitabile esecuzione del tuo mandato postumo: Su! Più alto!”.

Ritratto di Francisco Ibañez, realizzato da Adriana Scarso, professoressa all’Universidad del Salvador

Successivamente ha parlato il presidente della Federazione Argentina di Sci e Alpinismo, Teodoro Hauthal, che ha affermato:
Che in futuro, lo spirito del Primo Luogotenente Ibáñez, accompagni gli alpinisti argentini in tutte le loro imprese”. Infine, il capo della Confederazione Sportiva Argentina, Dr. Rodolfo Valenzuela, ha pronunciato le sue parole di addio, esprimendo: “I suoi pensieri erano alti e i suoi sogni erano puri, ed è per questo che sento che il suo nome e la sua impresa saranno un esempio prodigioso per i giovani della Repubblica Argentina, nel suo archetipo”.

Nel pomeriggio, alle 14.40, il 12 luglio, le spoglie sono state trasferite nella provincia di Mendoza, arrivando alla base aerea di Plumerillo, dove il corteo ha iniziato a marciare verso la Basilica di San Francisco de Asís, dove è stata officiata una funzione dal Vescovo di Mendoza, Monsignor Alfonso María Buteler. Successivamente le spoglie furono trasferite nel cimitero del capoluogo, dove gli furono tributati i relativi onori, dal reparto militare presso il quale aveva prestato servizio, l’Artiglieria da Montagna Gruppo 1, banda e bandiera, dove autorità provinciali, militari, studenti universitari, amici e famiglia, gli diede l’ultimo saluto.

Per salutare le spoglie del defunto, il tenente Tamer Yapur ha parlato per le Forze Armate, mentre il ministro del governo, dott. Roberto Furlotti, ha parlato per il governo provinciale; a nome della Federazione Cilena Alpinismo e Sci e del Consiglio Nazionale dello Sport, il Sig. Sergio Moder; per l’Associazione di alpinismo e sci di Mendoza, l’ingegnere Francisco Guiñazú; dagli ex studenti del Colegio de los Hermanos Maristas, l’ingegnere José Grosso Dutto e dai compagni di classe della promozione del liceo del Colegio de San José de los Hermanos Maristas, il sig. Sergio Godoy Lemos. Innumerevoli istituzioni della provincia, della nazione e dell’estero, hanno presentato le loro condoglianze ai parenti, oltre che all’esercito argentino.

Ibáñez è morto senza poter scalare la sua vetta tanto sognata in Himalaya, tra gente strana ma amichevole, intrappolato dal suo coraggio, dalla sua umiltà, dal suo spirito indomabile. Il suo spirito di eroe ha scalato le vette eteree, per rimanere come una sentinella delle cime nella memoria degli argentini. A Buenos Aires aveva lasciato il figlio Guillermo Francisco, nato durante la spedizione, del quale seppe solo due giorni prima di morire. 

Nel mese di gennaio 1955, in suo onore e con delibera iscritta nel Bollettino Pubblico Militare dell’Esercito n. 2.546, al nome della Compagnia di Sciatori di Montagna 8 fu aggiunto il nome del Primo Luogotenente Francisco Gerónimo Ibáñez, “in onore del capo della prima spedizione argentina in Himalaya, che perse la vita in servizio, il 30 giugno 1954, a Kathmandu (Nepal), nel tentativo di conquistare la vetta del Dhaulagiri”. Era presente la giovane vedova.

Il paese non ha dimenticato questo eroe, il tenente Francisco Gerónimo Ibáñez è presente nel nome di una scuola di Mendoza, in diverse strade di questa provincia e, soprattutto, nel cuore di molti argentini, specialmente di tutti coloro che amano le montagne o le pagine della storia dell’alpinismo argentino, dove l’esempio di questo soldato di montagna e pioniere appare come il bagliore del sole. Il 30 giugno 1954 morì un soldato e nacque un eroe per il nostro paese!

La moglie e il figlio di Ibañez, nel cimitero della capitale
In questa foto, tre generazioni incontrano Beatriz Ibañez (seconda da destra), Guillermo Ibañez e Clauss Ibañez assieme alla loro amica Jacqueline Watzl
More from Alessandro Gogna
La biomassa umana cresce
Imperial College di Londra: l’umanità cresce di numero e di taglia, supera...
Read More
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.